Rio dei Servi, nel Sestiere di Cannaregio

0
2262
Rio dei Servi, dalla Fondamenta de la Misericordia - Cannaregio

Rio dei Servi, nel Sestiere di Cannaregio

Il Rio dei Servi, il quale deve il suo nome alla già prospiciente chiesa di Santa Maria dei Servi, inizia dall’incrocio formato con il con il Rio de Santa Fosca e il Rio de la Madalena e termina all’incrocio Rio de la Misericordia. (1)

Alcuni frati dell’ordine dei Servi di Maria, venuti a Venezia nel 1316, poterono, con gli aiuti di un Giovanni Avanzo, fondare in questa situazione un monastero ed un tempio, di cui si pose la prima pietra il 24 marzo 1318, ma che solo però nel 1474 ottenne perfezione, e nel 1491 fu consacrato da Antonio Saracco arcivescovo di Corinto.

Questo tempio fu nel 1813 quasi del tutto demolito unitamente al monastero, il quale nel 1766 aveva patito un grave incendio. Sopra l’area ove sorgevano gli edifici i dei Serviti si trova oggidì il nuovo Istituto di Patronato per le donne dimesse dal carcere, di cui si pose la prima pietra il 30 giugno 1862, a merito di mons. Daniele Canal, e della pia donna Anna Maria Marovich.

Nel monastero dei Servi passò la sua vita fra’ Paolo Sarpi, consultore e teologo della Repubblica, morto nel 1623. Le di lui ceneri si scoprirono a caso nel 1722, nel 1813 vennero deposte provvisoriamente nella biblioteca di San Marco, e finalmente nel 1828 collocate nella chiesa di San Michele di Murano. (2)

Rii che lo incrociano, ponti che l’attraversano e palazzi e fondamente che si affacciano:

    Rio di Santa Fosca    
  Palazzo Diedo Rio dei Servi Rio de la Madalena  
Rio del Grimani Ponte Diedo      
Palazzo Grimani ai Servi (a) Fondamenta Daniele Canal, con parapetto in ferro sostenuto da pilastri in pietra, e tre rive   Palazzo Donà (b)  
Oratorio del Volto Santo di Gesù dei Lucchesi     Calle Tornielli, con riva  
      Volto Santo, con sottoportico e riva  
      Rio de San Marcuola  
      Squero già Battistin all’Anconeta, ora deposito materiale edile  
Chiesa e Monastero di Santa Maria dei Servi     Campiello Lombardo, con riva  
      Squeri già Casal ai Servi, ora sede dell’Associazione Arzanà  
    Rio de la Misericordia    

 

(a) Palazzo Grimani ai Servi. Il palazzo dei Grimani ai Servi, in Fondamenta Daniele Canal, venne completamente distrutto nell’Ottocento, non restandone più memoria. La linea Grimani dai Servi si estinse in un Giovanni q. Antonio, che, dopo essere stato ambasciatore a Vienna ed a Parigi, mori nel 1735, lasciando unica superstite ed erede la figlia Maria Loredana, maritata nel 1772 con Francesco Morosini, e mancata a vivi nel 1828.

(b) Palazzo Donà dalle Rose alla Maddalena. È ricordato dal Sansovino e dal Priuli, il quale dice che Francesco Donà qm Alvise (poi doge) venne eletto nel 1524 consigliere di Cannareggio habitando le sue case in Rio Terrà, e che Nadal Donà qm Andrea fu chiamato nel 1619 a coprire la carica medesima habilando nelle sue case in Rio Terrà, presso il rio che va a Santa Fosca. I Donà dalle Rose possedevano altri edifici vicini. (3)

(1) ConoscereVenezia

(2) Giuseppe Tassini. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. Tipografia Grimaldo Venezia 1872

(3) Giuseppe Tassini. Edifici di Venezia. Distrutti o vòlti ad uso diverso da quello a cui furono in origine destinati. Reale Tipografia Giovanni Cecchini. Venezia 1885

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.