Campo San Giacomo da l’Orio, nel Sestiere di Santa Croce

0
198
Chiesa e Curia di San Giacomo da l'Orio. Sestiere di Santa Croce

Campo San Giacomo da l’Orio, nel Sestiere di Santa Croce

Il campo prende il nome dalla Chiesa di San Giacomo da l’Orio (San Giacomo Maggiore Apostolo), anticamente San Jacopo di Luprio. L’origine di questa chiesa è incerta. Se ne riferisce all’anno 1225 la rinnovazione in gran parte per opera delle famiglie Badoer e da Mula. Marin Sanudo la dice eretta dai Campoli di Oderzo e Mula delle Contrade, ma il Corner, nega fede a questo scrittore, e rigettando l’asserzione di coloro che, dalle tre “V” incise in un marmo della facciata, la vorrebbero costruita l’anno 555, dubita anche che si debba intendere con quel numero dall’anno della fondazione di Venezia, che è quanto a dire, intorno al secolo X.

La chiesa si dice detta dall’Orio per corruzione di Luprio; nome dell’isola sulla quale era sorta, e procedente, secondo il Sabellico, dalle paludi che la coprivano: però l’etimologia offerta dal Sansovino, forse da qualche canale ivi scorrente ab antico dal rio, sembra più naturale. Il Gallicciolli ancora argomenta esser facile che sortisse questo nome da una famiglia Orio, dimorante appresso la chiesa. Ma ciò non sembra vero, perché non si vede questa famiglia aver avuta parte alcuna nella fabbrica, nè appare dalle cronache che in questa contrada dimorasse; mentre nella nota degli imprestiti fatti nel 1379 per la guerra di Chioggia, nessuna famiglia degli Orio appare in questa contrada, bensì in quella di Santa Ternita, ove il solo ramo che sempre ebbe continuò ad abitare fino allo spegnersi della repubblica. Questa chiesa poi fu restaurata più nell’interno che nell’esterno all’età del Sansovino, come egli stesso ci narra, e poi nei tempi appresso soggiacque ad alcune riforme, richieste, secondo osserva il Moschini, più dalle ingiurie del tempo, che dal capriccio non raro degli uomini. (1)

Il campo ha la forma di un grande trapezio con il centro e il lato ovest  occupato dalla chiesa e dalla casa della canonica. Il campanile è  costruzione veneta-bizantina del dodicesimo secolo, curioso è il bassorilievo di San Giorgio infisso sotto due piccole bifore.  All’angolo nord-est il palazzo Zambelli che da il nome alla corte confinante, particolare un balcone del palazzo sotto il portico che immette alla corte. Più avanti, sul lato ovest del campo, la Calle de Mezo,  parallela alla Corte Zambelli, che inizia anche questa  con un portico da Campo San Giacomo e finisce con un altro portico sul Rio de San Boldo. Sul lato sud delle case di affittanza, con all’esterno in una nicchia, la statua di San Giacomo, e un’altra nicchia vuota. Isolata sul lato ovest, tra il Ponte de l’Anatomia e il Ponte Ruga Bella,  la Scuola dei Medici Fisici con il Teatro Anatonico, con un ingresso d’acqua sul Rio De Sant’Agostin per i cadaveri. Ai piedi del Ponte Ruga Bella un “capitelo” con la Madonna e il Bambino copia di un’opera di Domenico Gagini (1420). Nel campo altre al pennone porta stendardo sono presenti anche tre vere da pozzo.

Nel campo o nelle sue immediate vicinanze: 

(1) Venezia e le sue lagune. Volume II. Stabilimento Antonelli 1847

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.