Rio de San Felice, nel Sestiere di Cannaregio

0
392
Rio de San Felice, dal Ponte de la Racheta - Cannaregio

Rio de San Felice, nel Sestiere di Cannaregio

L’idronimo è dettato dalla vicina chiesa di San Felice, eretta nel 960 dal casato patrizio Gallina. In contrada di San Felice nacque, nel 1693, papa Clemente XIII che concesse ai pievàni di quella chiesa l’attribuzione di protonotari apostolici. Nella medesima zona abitava Marcantonio Bragadin, barbaramente trucidato dai turchi nel corso dell’assedio di Famagosta del 1571, le cui spoglie mortali sono conservate nella chiesa dei Santi Giovanni e Paolo. Curiosa appare la presenza lungo questo rio di un ponticello medioevale, l’unico superstite a Venezia privo di parapetti laterali, denominato ponte Chiodo. Sul rio de San Felice si affacciano vari edifici residenziali di pregio, fra i quali la Ca’ Mora, Ca’ Priuli-Scarpon, Ca’ Salamon, Ca’ Fontana. (1)

Viene attraversato dai seguenti ponti:

Sulle sue rive si affacciano:

  • Sotoportego dei Preti
  • Calle San Felice
  • Corte del Frutariol
  • Strada Nova
  • Campo San Felice
  • Fondamenta de la Chiesa
  • Fondamenta de San Felice

(1) https://github.com/mitchellwills/

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.