Campo San Stin, nel Sestiere di San Polo

0
96
Campo San Stin. Sestiere di San Polo

Campo San Stin, nel Sestiere di San Polo

Il campo prende il nome dalla Chiesa di San Stefano confessore, che per distinguerla da quella dedicata a San Stefano protomartire, molto più ampia, era detta di San Stefanino e per abbreviazione, San Stin.

Si ritiene sia stata eretta nel X secolo, ma rovinata nel 1105, fu fatta riedificare dai fondamenti nel 1295 da Gregorio Zancarol, nobile cretense e patrizio veneto. Aveva alcune Scuole di devozione fra le quali vi era quella dell’Arte degli Acquivitai sotto la protezione di San Giovanni Battista. Aveva sette altari, compreso quello della cappella maggiore, pregevole e di ornamenti, adorni di buone pitture.

Come conseguenza del famigerato decreto napoleonico, questa chiesa venne chiusa nel 1810 e pochi anni dopo del tutto demolita. Sulla sua area vennero fabbricate delle case di civile abitazione. (1)

(1) Cesare Zangirolami. Storia delle Chiese dei Monasteri delle Scuole di Venezia rapinate e distrutte da Napoleone Bonaparte.

Nel campo o nelle sue immediate vicinanze:

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.