Stabilimento balneare di Giovanni Busetto detto “Fisola”, al Lido di Venezia

0
2873
Stabilimento balneare al Lido di Venezia

Stabilimento balneare di Giovanni Busetto detto “Fisola”, al Lido di Venezia

Nel 1858 Giovanni Busetto detto Fisola costituiva una società per la raccolta e depurazione dei fanghi dei canali da impiegare come concime in agricoltura e per la costruzione di un moderno sistema di latrine in città. Ma il suo capolavoro imprenditoriale fu la scoperta che fece nel 1856 quando, fra le dune e la vegetazione dell’arenile lidense, scoprì la “trabacca (baracca, tenda) per uso di Bagni Marini” edificata da una donna, la vera progenitrice di un progetto di sfruttamento del mare e del sole al Lido di Venezia.

Fisola acquistò immediatamente la concessione demaniale e in cambio accordò alla donna l’esercizio decennale di una trattoria di sua proprietà a Santa Maria Elisabetta, dove i clienti dovevano essere attratti da “squisitezza di cibi, e di vini, modicità di prezzi e buon servigio”. Non solo la “trabacca” negli anni seguenti diventò uno stabilimento balneare ma Busetto offrì alla sua clientela una rete integrata di servizi composta di varie agevolazioni e prestazioni: durante la stagione balneare la vaporiera “Alnoch” e barche omnibus (sperimentate con successo anni prima con la ferrovia) effettuarono il tragitto da San Marco al Lido con cadenza oraria. Oltre alle cabine a mare, alle tende, ai costumi e agli accappatoi, il cliente trovava nello stabilimento un servizio di ristorazione.

Ottenuta la concessione, nel 1869 Busetto acquistò dal demanio un’area consistente a Santa Maria Elisabetta e a San Nicolò e chiese appoggio alla Camera di commercio per il suo stabilimento “decoro e lustro di questo paese”, onde ottenere dalle autorità militari concessioni durature in vista dell’apertura del tratto ferroviario del Brennero e il prevedibile aumento di bagnanti dalla Baviera, dalla Svizzera e dal Tirolo. Alcuni anni dopo la grande borghesia veneziana lo persuaderà a cedere l’iniziativa e ad entrare come socio nella Società dei bagni del Lido, i cui impianti furono premiati per la loro modernità all’Esposizione nazionale di Torino del 1884. (1)

Proprio di fronte a questi impianti sorse nel 1900 l’Hotel Des Bains insieme con l’Hotel Excelsior, edificato otto anni dopo.

(1) Adolfo Bernardello. Venezia 1830-1866. Iniziative economiche, accumulazione e investimenti di capitale. Il Risorgimento, 1 (2002), pp. 5 – 66

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.