Domenico Monegario. Doge VI. Anni 756-764

0
873

Domenico Monegario. Doge VI. Anni 756-764.

Cacciato Galla, fu conferita la dignità ducale a Domenico Monegario, cittadino di Malamocco, uomo di carattere presso che simile all’antecessore; al cui fianco posero i Veneziani due tribuni annuali, onde limitarne il potere e tenere in freno l’ambiziosa voglia di soprastare. Narrano alcuni cronacisti, che li due primi tribuni furono Candian Candiano, e Agnello od Angelo Partecipazio, quest’ultimo voluto dal Sanudo della famiglia dei Giustiniani. Cotesto provvedimento, lungi dal recare utilità e pace allo Stato, in quella vece non fece che augumentare il disordine e la confusione: imperocché, o per debole mente, o per animo pusillo, quei tribuni si fecero piagiatori del Doge; ed allorquando accadde che ad essi succedessero altri di spiriti maschi, se ne ingeneravano perpetue contese; sicché il Doge, altero d’indole e di natura indomita, riguardò quei due tribuni siccome ceppi posti indegnamente alle sue mani; e con basse e furbesche arti contorseli, e quindi con aperta violenza li ruppe, rimettendo nel primiero potere la sua autorità. Il perché i tribuni stessi, aiutati dalla nazione, macchinarono congiura pari a quella onde Galla fu vittima, e Monegario sofferse il castigo e dell’abbacinamento e dell’ostracismo, dopo otto anni di mal tenuto governo; vale a dire nel 764. (1)

(1) Il Palazzo Ducale di Venezia Volume IV. Francesco Zanotto.  Venezia MDCCCLXI

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.