La pesca con la “togna” (lenza)

0
510
Togne diverse

La pesca con la “togna” (lenza)

I praticanti questa pesca erano detti tognaròli e i chioggiotti la esercitano volentieri presso il porto di San Nicolò, per il vantaggio di poter vendere il loro pescato al grande mercato di Rialto.

Le lenze, o togne, ciascuno se le faceva da sè, con i crini della coda di un cavallo maschio, o con lo spago se si dedicava al pesce grosso.

Da questa pesca provenivano i pesci più pregiati sul mercato, come i branzini, i grossi rombi, le leccie, le grandi ombrine, ma anche specie più modeste come passere, e anguille. (1)

(1) La pesca in Laguna. La collezione storica di Minni e Marella. Centro Culturale Candiani 2019.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.