Le patere e le formelle dei Palazzi Donà de la Madoneta e Donà dalle Trezze, nella contrada di Sant’Aponal, nel Sestiere di San Polo

0
553
Palazzo Donà della Trezza Saibante. Sestiere di San Polo

Le patere e le formelle dei Palazzi Donà de la Madoneta e Donà dalle Trezze, nella contrada di Sant’Aponal, nel Sestiere di San Polo

I palazzi Donà de la Madoneta Dolcetti e Donà dalle Trezze Saibante,  in contrada di Sant’Aponal nel Sestiere di San Polo, prospettano entrambi sul Canal Grande, e sono divisi tra loro dalla Calle del Tragheto de la Madoneta.

Il primo di questi palazzi, a sinistra di chi guarda dal Canal Grande, è di stile bizantino e ha origini antichissime, essendo stato alzato nel XII secolo dalla famiglia Signolo e si contente, con Ca’ Da Mosto, il primato del più antico palazzo Veneziano. Il palazzo è chiamato “de la Madonetta” per un bassorilievo ottocentesco della Madonna col Bambino infisso tra due finestre dell’ammezzato. Di rilievo l’octafora che occupa tutto il piano nobile, con  patere e una croce risalenti ai secoli XI-XIII.

Le nove patere si possono così descrivere nelle loro figurazioni: una patera con un’aquila con le ali dispiegate; un patera con un uccello con due teste con i becchi congiunti; una patera con due uccelli addorsati le teste affrontate che beccano dell’uva; una patera con due canidi addorsati le teste affrontate; una patera molto corrosa; una patera con due aquile addorsate sovrastanti due canidi; una patera con un grifone sopra un cervide; una patera con due uccelli con i becchi congiunti; una patera molto corrosa; un’altra pattera corrosa con un felide che azzanna un bovide. 

Il Palazzo Donà dalle Trezze Saibante, a destra di chi guarda dal Canal Grande, in origine era una casa fondaco. Di rilievo la pentafora, con una patera, quattro formelle e una lunga fascia di stile veneto-bizantino del secolo XII.

La patera e le quattro formelle si possono così descrivere nelle loro figurazioni: una patera con due uccelli addorsati le teste affrontate che beccano della frutta da un albero; una formella con un grifone che becca nei lombi un centauro sovrastante un felide (leone); una formella con un felide che azzanna un bovide savrastante a due felidi (leoni); una formella con due griffoni sopra un cervide che sovrastano un felide (leone); una formella con un pavone sovrastante un canide e due uccelli tra un albero. (1)

(1) sul significato dei simboli cfr.: Giuseppe Marzemin. Le antiche patere civili di Venezia. Ferdinando Ongania editore Venezia 1937; Angelica Tonizzo e Maria Rosa Sunseri. Patere a Venezia. Tipo-litografia Pistellato Marghera-Venezia 1999; Espedita Grandesso. I portali medievali di Venezia. Edizioni Helvetia 1988.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.