I titoli e i soprannomi dei patrizi veneziani

1
1263
Domenico Tintoretto. Ritratto di Procuratore di San Marco

I titoli e i soprannomi dei patrizi veneziani

I patrizi non avevano legalmente altro titolo che Sier, ai Procuratori di San Marco spettava il titolo di Missièr (Messere), come pure al Doge. Fu sempre fermo intendimento del governo che nei patrizi apparisse perfetta ugualità. Il modo legale di proporre un gentiluomo ad un uffizio, e proclamarlo (stridarlo), era per esempio questo: Provveditor d’Armata, Pier Gerolimo Pisani fu de Sier Piero. Uno sbaglio nel nome dell’eligendo o dell’eletto, portava all’annullamento della sua elezione. 

In antico il titolo di Missièr si diede comunemente ai Senatori, poi venne loro l’Eccellenza; poi l’Eccellenza fu dato a tutti i patrizi, non mai però nei consigli. Chi avesse dato dell’Eccellenza ad un patrizio nei consigli, era punito, e fu solamente nei tempi delle corruttele, che si disse Eccellentissimo Signore. Il titolo legale di Eccellenza spettava solo al Cancelliere Grando, che non era patrizio, ed ai generali d’esercito, sempre forestieri. Al Senato si diceva Serenissimo Principe e Eccellentissimo Senato, il Consiglio dei Dieci avevano titolo di Eccelso Consiglio dei Dieci, gli Inquisitori di Stato si chiamavano Supremo Tribunale.  

In Venezia, poiché fu fermata l’aristocrazia ereditaria ed il governo stretto in poche famiglie, avvenne che molte case vi fossero dello stesso nome, le quali, sebbene comune avessero il capostipite, non erano congiunte fra loro con vincolo di parentela. Per distinguere i diversi rami del casato stesso, solitamente si usava nominarle dalla contrada o parrocchia dove avevano il palazzo loro: come, per esempio, si diceva Sagredo da Santa Sofia, e Sagredo da Santa Trinità, ec . Alcuni rami dello stesso casato, si distinguevano per un soprannome, l’origine del quale spesso era sconosciuta. Cosi i Grimani si distinguevano in Grimani Spago (famiglia del doge Antonio), Grimani Passerella, Grimani Albero d’oro, Grimani da San Luca, Grimani da San Polo, ec .

Di questi soprannomi ve ne erano dei curiosi: come Giustinian dai Vescovi, e Giustinian Budele d’oro; Soranzo Tocco d’oro, Pisani Moretta, ec., e siccome avveniva che spesso nel Maggior Consiglio vi fossero gentiluomini che avevano il nome e cognome ed anche il soprannome stesso, usandosi in Venezia ripetere nei nipoti i nomi dell’avo e degli zii, allora si dava un soprannome al più giovane, spesso scherzoso, e che gli durava solamente sino a che un altro, avesse lo stesso nome e cognome e il casato medesimo. I soprannomi non erano però legali, ma si bene dell’uso; e molti durano ancora. (1)

Soppranoni di singoli patrizi (periodo dal 1763-1775) e di famiglie patrizie:

  • Badoer, Bovolo
  • Badoer, dei Vescovi 
  • Marin Badoer, Lodola spegieto
  • Balbi, dai Do ponti
  • Balbi, dalle Tresse
  • Balbi, Farina 
  • Balbi, Mussa
  • Balbi, Neroncini
  • Balbi, Oggioni
  • Balbi, Orada
  • Antonio Maria Balbi, Principe
  • Checo Balbi e tutta “la so sgiatta“, Burattin
  • Checo Balbi, Saltafritto
  • Girolamo Balbi, Sbrega
  • Nicoletto Balbi Orada, Bobba
  • Nicolò Balbi, Vecchia
  • Spiridion Balbi, Sbirro, e infatti “el gà un muso da zaffo”
  • Stefano Balbi, Stefanagi
  • Zuane Balbi, Tre visi
  • Barbari, Bell’ogio
  • Iseppo Barbaro, Calandrina
  • Marco Barbaro, Parigi
  • Francesco Barbaro, Marocchin
  • Girolamo Barbaro, Rana
  • Simon Barbaro, Carta geografica
  • Piero Barbarigo, El zotto
  • Piero Barbarigo (dei Quaranta), Fumetto
  • Tonin Barozzi, Moscovita
  • Zorzi Barozzi, Crozola o crozoleta
  • BemboBarbi 
  • Gerolamo Bembo, Gua
  • Giulio Bembo, Paron de barca
  • Piero Bembo, Pilato
  • Vincenzo Bembo, L’orbo
  • Bon, Riccio
  • Vettor Bon, Sordo
  • Zorzi Bon, Borondolo
  • Zuane Bragadin, Barnaccola
  • Iseppo Civran, L’orbo
  • Girolamo Condulmer, Stà-co-te-conzo
  • Contarini, dal Bovolo
  • Contarini, Cabala
  • Contarini, dal Zaffo 
  • Contarini, dei Scrigni 
  • Contarini, Naso
  • Contarini, Porte de ferro
  • Contarini, Ronzinetti
  • Contarini, Trarro 
  • Bortolo e Giacomo Contarini fratelli, Pappagà
  • Carlo Contarini, Magnafantolini
  • Girolamo Contarini e tutta “la so prosapia“, Campanela
  • Momolo Contarini e tutta “la so stirpe“, Cappon
  • Tommaso Contarini, Fazan
  • Zamaria Contarini, Tagiabrazzi
  • Piero Contarini Fantinatto, Mustafà
  • Iseppo Contarini Fantinato, Lirazza
  • Corner, della Ca’ granda
  • Corner, della Regina
  • Corneri, Episcopia
  • CornerScannaruzzo
  • Corner, Tacco
  • Corner, Te amo
  • Alvise Cattarin Corner, Casarin o Gragnarin
  • Camillo Corner, Santo Padre
  • Marcantonio Corner, Strigheta
  • Momolo Corner, Subioto o Brustolon 
  • Piero e Zorzi Corner, Pescaor. I due fratelli vengono chiamati anche i Corneri filosofi perché Antonio Corner, lo zio, “sporco come un porco e che andava sempre in veste da camera sia de zorno sia de notte e anca in letto co’ l’andava a dormir, i ghe diseva de soranome el filosofo“. Per cui per distinguerli dalle altre famiglie i nipoti ereditarono il soprannome di filosofi
  • Zannantonio Corner e tutta la so fameggia, Man D’Oro
  • Dolfini, dei Gobbi 
  • Donà, da le Torrezele 
  • Donà, Cailetto 
  • Donà, Scimiotti 
  • Donà, Carattini 
  • Donà, Rose
  • Donà, Tamburini 
  • Donà, Tresse
  • Francesco Donà, Stick
  • Nicolò Donà, Zappa saldo
  • Vincenzo Donà, Magia
  • Dolfin, Culata
  • Dolfin, dal Mal canton 
  • Dolfin, dei Piccoli 
  • Antonio Dolfin, Anema del Purgatorio
  • Antonio Dolfin, Campaniel de melma
  • Alessandro Duodo, Giarba re de’ Mori
  • Antonio Erizzo di San Martin, Maria sfrizada
  • Daniele Farsetti, Topinara
  • Foscari, de Volta de canal  o Foscaron
  • Alvise Foscari, Asino d’oro
  • Foscarini (casa estinta), Beccafigo 
  • Giustinian, Budele d’oro
  • Giustinian, Calle de le acque 
  • Giustinian, dei Vescovi
  • Faustino Giustinian, Striga
  • Gradenigo, Campiel dei Squellini 
  • Piero Gradenigo di Santa Giustina, Antiquario
  • Zambattista Gradenigo, figlio di Gerolamo, Madonna grega
  • Grimani, Spago 
  • Alvise Gritti, Ludro 
  • Zannantonio Gritti, Sgombro e a sua moglie Sgombra 
  • Andreeta Longo figlio di Vicenzo, Vecchietta, e infatti el muso corrisponde benissimo
  • Iseppo Longo, Scelega
  • Vicenzo Longo, Paggio
  • Loredan, Campanon 
  • Loredan, Brazzeti 
  • Francesco Loredan (doge), Tantum ergo. Essendo di vista “curta i lo tolleva per omo superbo perché nol giera pronto a corrisponder col saludo”
  • Marco Loredan e a suo figlio Francesco, Gionpin
  • Menego Loredan, Moron
  • Zuane Loredan, El zotto
  • Stefano Magno, Pellargin
  • Marcello, Alboro
  • Marcello, dal Lavro
  • Marcello, da la Purità
  • Lorenzo Marcello, Da do nasi
  • Lorenzo Marcello, El zotto
  • Martinengo, da le Balle
  • Michiel, Malpaga
  • Michiel de Santi Apostoli, Anime longhe. Infatti “sior Tomaso Mighiel senator el par la morte che va per spirazzi: longo, scarno, sottilo e per lo più d’un color zalo nel viso“.
  •  Iseppo Michiel de San Canzian, Scalferotto
  • Nicoletto Michiel di San Canzian, Papuzza
  • Demetrio Minotto, Timoteo
  • Mocenigo, Casa Vecchia
  • Piero Mocenigo, fratello del Serenissimo presente, Coccalina
  • Morosini, Campalto
  • Morosini, dal Pestrin
  • Morosini, dal Zardin 
  • Morosini, Ceggion
  • Morosini, Sgiavina 
  • Daniel Morosini e suoi fratelli da San Polo, Testa d’agnello
  • Giacomo Minio (della Quarantia), Abbozzo
  • Marco Muazzo, Bagigi
  • Santo Muazzo, El più brutto de tutti i santi
  • Zannantonio Muazzo, Bottarga fumada
  • Nani, Piove
  • Andreeta Pasqualigo, Frizzi
  • Piero Pasqualigo, Prudenza
  • Piero Pasqualigo Basadonna di San Canzian,  Zerla
  • Zuane Pasqualigo (fratello di Piero), Scoreza
  • Pisani, Moretta
  • Pisani, Turco 
  • Pisani, Suchetto
  • Antonio,  Marco e Domenego Pisani, Merda
  • Siora Chiara Pisani, Moretta
  • Agostin Pizzamano, Zantaggia
  • Momolo Pizzamano, Patriarca de me cogioni
  • Tita Pizzamano, Titon
  • Zorzi Pizzamano, Vobis nobis
  • Priuli, Calderola
  • Priuli, Nave
  • Priuli, Pignattini 
  • Priuli, Scarpon
  • Priuli, Stazio
  • Siora Lucchese Priuli, Strazzacuori
  • Piero Priuli, Mona fritta
  • Piero Priuli, Gran Can
  • Marco Priuli, Sirena 
  • Pisani, dal Banco 
  • Bortolo Pisani, Turco
  • Querini, Pappozze 
  • Querini, Stampalia
  • Antonio Querini, Fiocco
  • Domenego Querini di San Polo, Pantalonsin
  • Zuane Querini, Bellezza
  • Renierde Riva de Biasio
  • Daniel Renier, l’Orbo
  • Zuane Renier di Santa Margarita, Paneto de butiro
  • Marco Riva, Moro
  • Marin Riva, Perucca negra
  • Zuane Riva, Sciambecco
  • Francesco Savorgnan, Sacco de merda
  • Mario Savorgnan di Santa Marina, Furlan
  • Marcantonio Semitecolo, Prospero Battipaglia 
  • Soranzo, Tocco d’oro
  • Piero Soranzo,  Coronetta, perché “l’è sempre colla corona in mal e co’l collo storto per cogionar el Mazor Consegio, se’l pol e buscar i megio rezimenti sotto spezie de santità”
  • Ferrigo Tiepolo, Naranza garba 
  • Bertucci Valier, Pettina
  • Cristofolo Valier, Moneta piccola
  • Ruberto Valier, Pagnaga
  • Vendramini Calergi o Vendramin,  della Zuecca
  • Piero Vendramin, Caccuggia 
  • Venier, Torreselle
  • Emanuele Venier ad un suo figlio, Caregon
  • Lorenzo, Andrea, Zuane, Domenego figli di Andrea, e suo fratello frate Benedettino Venier e a tutta la sua discendenza, Scarpion.
  • Carletto Zane, Ranoggio 
  • Gilio Zane, Seneca
  • Michiel Zen, Gallina
  • Gabriele Zorzi e suo figlio, Spasemo
  • Giovanni Zorzi, Agonia
  • Iseppo Zorzi, Cannagion
  • Marco Zorzi, Morte
  • Piero Zorzi, Pagele (2)

(1) Archivio Storico Italiano Tomo Settimo. Giovanni Pietro Vieusseux Editore 1843.

(2) Francesco Zorzi Muazzo. Raccolta de’ proverbi, detti, sentenze, parole e frasi veneziane, arricchita di alcuni esempii ed istorielle. Fondazione Giorgio Cini, Regione del Veneto, Angelo Colla Editore. 2008; Giuseppe Tassini. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. Tipografia Grimaldo Venezia 1872

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

1 commento

  1. Molto interessante. Mi dispiace che non ci siano le date di quando questi titoli vennero ufficialmente accettati dal ducato di Venezia. È secondo me importante conoscere il periodo in cui questi titolo vennero introdotti (e cosa esistesse prima) perché sicuramente erano collegati ad una voluta distinzione e distanziamento verso le altre classi sociali della città. L’oligarchia Veneziana non era dominate sin dalla creazione del Ducato; c’è allora una relazione diretta o no tra la creazione di titoli ed il potere assoluto dell’oligarchia Veneziana in relazione alla loro creazione?

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.