The Piazza San Marco circa 1480 by Matthew Grayson

0
257
La Basilica di San Marco. Matthew Grayson

The Piazza San Marco circa 1480 by Matthew Grayson

I have now finished the drawing study of the Piazza San Marco circa 1480!. I will send you an attachment of the image and a detailed write up for you to refer to and use for reference purposes on social media and Google / Pinterest if you wish. Kind regards. Matthew Grayson

I started to think what drawing and painting l could create that would be unique, that hadn’t been done before or seen in any form at all. I wanted to make history and know that people from many generations to come would enjoy and learn from my artwork.. so I chose one of the most challenging and interesting world heritage sites.. the Piazza San Marco.

On the understanding that my reputation is built on attention to detail, drawing the Piazza San Marco in every brick and window seemed almost impossible, but that encouraged me still further.

Start on such a daunting task .. I had to firstly calculate how to include the entire square within a normal format, that would appeal on someone’s wall. It couldn’t be too tall and it couldn’t be too long. I decided the only way to do it correctly would be to use mathematics and geometry.. so I used the golden ratio in the work, to achieve perfect balance.

The only way to recreate the entire square was to carry it out in sections, like a historical jigsaw puzzle!. Being left handed, l worked from right to left, to avoid excessive smudging and pencil line wear. The first building to recreate was the old Ospizio Orseolo, which was a hospital which originally lay flush to the ancient Campanile. In Gentile Bellini’s painting, only a quarter of it is shown, so I calculated the hidden structure by elongation of the lines of Gentile’s work.. level by level and window by window until I reached the turrets.

The composition was already starting to take shape, with the now rather deep perspective on the artwork, I felt this was going to be something very special when it was finished.

The next section to calculate was the ancient Campanile, which had a slender column peak instead of the rectangular carvings that adorn it nowadays. Again I had to calculate the entire height of the tower because only a quarter is depicted in Gentile Bellini’s masterpiece. Calculating the storeys was a small and tricky challenge, but l had to succeed to enable me to calculate the entire height correctly with the chosen perspective angle. On completion of the tower, the composition was gradually taking shape and emulating the power of the Piazza, as if one was taken back in time and stood at the top of the square looking down it … The Doge’s palace was the next stage of the drawing study, which has not really changed in the past 800 years.

The next stage was recreating the Basilica. The main form hasn’t changed since its erection, but on close examination a significant amount of detail has changed over the centuries.

The most prominent being the ancient golden gateway, that was originally to the left of the Doges Palace. It was very ornamental, but in the late fifteenth century it was decided to dismantle it and melt it down for other purposes.

The other key features that have changed on the Basilica facade were the frescoes and a number of the statues. In my interpretation, l have included all the original frescoes and sculptures that were in Gentile Bellini’s work, to guarantee authenticity in my work. The most appealing aspect of the entire drawing, must be the next stage of the study. Before the clock tower was built, a two storey building with slender arches and a gateway stood. The appearance of these ancient charming buildings adds a slightly quaint atmosphere to the entire composition in my view. To the left of the Basilica stood an ancient Campanile, which is shown in Gentile Bellini’s sketch, but was left out in the painting. On my research, I discovered the Campanile appeared on three occasions in period plans of Venice, which verified that it actually stood there. For reasons of my scrutiny of detail and accuracy, I included it in my composition to emulate the power of history being “brought back to life “.

The final stage of the draw study was to recreate the entire left hand side of the Piazza. This with the Ospizio Orseolo was knocked down in fifteen hundred to make way for the present standing three storey buildings. The building on the left of the Piazza was similar to the Ospizio Orseolo, being two storeys and having slender turrets on it’s facade, with slender columns at its base. At the centre of the buildings top roof level lay a small third level, with a pitched roof with arched windows, that would have overlooked the square onto the Ospizio Orseolo.

On completion of the buildings, my next challenge was the original herringbone paving of the Piazza. One can get an idea of how the paving was laid out by looking closely at Gentile Bellini’s work aswell as very early Canaletto paintings.

The square paving was originally built using slender diagonal white marble inlays, that ran upto the base of the Basilica. These were used as markers for the market traders to pitch their stalls. The herringbone paving was laid out at a forty five degree angle, giving a crisscross finish in red brick.

Drawing this original paving pattern was a very interesting yet difficult challenge, as the paving line had to be drawn in a one point perspective rule.

On completion of the entire square circa 1480, the appearance seems even more beautiful than that of today.. in my view as my drawing shows in great detail the amount of dedication that the architects had in creating such an awe inspiring square to both trade, worship and enjoy. Matthew Grayson.

The design of the Piazza San Marco (Zoom in on the image by scrolling the mouse wheel)

Gentile Bellini. Processione in Piazza San Marco. Gallerie dell’Accademia

La scena è considerata tra i primissimi esempi di vedutismo veneziano, con un ampio angolo visuale che permette di osservare la precisa rappresentazione della piazza e dei partecipanti all’evento. Sullo sfondo della basilica di San Marco, con i portali ancora splendenti dei mosaici veneto-bizantini che oggi sopravvivono solo nel portale sinistro; a destra si vedono Palazzo Ducale, con la Porta della Carta con l’originaria doratura dei marmi, un pezzo del Campanile di San Marco (arretrato per far vedere Palazzo Ducale) e l’Ospizio Orseolo, demolito per fare spazio alle Procuratie Nuove di Jacopo Sansovino; a sinistra si notano le Procuratie Vecchie nell’aspetto che avevano prima della ricostruzione nel XVI secolo; si vede anche l’edificio gotico che venne poi abbattuto per fare posto alla Torre dell’Orologio. Da notare anche la copertura della piazza in cotto, che venne sostituita dalla lastronatura in marmo del Tirali nel 1723.   https://it.wikipedia.org/wiki/Processione_in_piazza_San_Marco

traduzione del testo di Matthew Grayson con Google Translate

Ho iniziato a pensare a quale disegno e pittura potevo creare che fosse unico, che non era mai stato fatto prima o visto in nessuna forma. Volevo fare la storia e sapere che le persone di molte generazioni a venire si divertirebbero e imparerebbero dalle mie opere d’arte … così ho scelto uno dei siti del patrimonio mondiale più stimolanti e interessanti … Piazza San Marco.

Con la consapevolezza che la mia reputazione si basa sull’attenzione ai dettagli, disegnare la Piazza San Marco in ogni mattone e finestra sembrava quasi impossibile, ma questo mi ha incoraggiato ulteriormente.

Cominciamo con un compito così scoraggiante. Prima di tutto ho dovuto calcolare come includere l’intero quadrato in un formato normale, che avrebbe attratto il muro di qualcuno. Non potrebbe essere troppo alto e non potrebbe essere troppo lungo. Ho deciso che l’unico modo per farlo correttamente sarebbe stato usare la matematica e la geometria … così ho usato il rapporto aureo nel lavoro, per raggiungere un equilibrio perfetto.

L’unico modo per ricreare l’intera piazza era eseguirla in sezioni, come un puzzle storico! Essendo mancino, ho lavorato da destra a sinistra, per evitare eccessive sbavature e usura della matita. Il primo edificio da ricreare fu il vecchio Ospizio Orseolo, che era un ospedale che originariamente era adiacente all’antico Campanile. Nella pittura di Gentile Bellini ne viene mostrato solo un quarto, quindi ho calcolato la struttura nascosta per allungamento delle linee dell’opera di Gentile … livello per livello e finestra per finestra fino a quando ho raggiunto le torrette.

La composizione stava già iniziando a prendere forma, con la prospettiva ora piuttosto profonda dell’opera d’arte, sentivo che sarebbe stato qualcosa di molto speciale quando fosse finito.

La sezione successiva da calcolare era l’antico Campanile, che aveva un sottile picco a colonna invece delle incisioni rettangolari che lo adornano al giorno d’oggi. Ancora una volta ho dovuto calcolare l’intera altezza della torre perché nel capolavoro di Gentile Bellini è rappresentato solo un quarto. Calcolare i piani era una sfida piccola e complicata, ma dovevo riuscire a consentirmi di calcolare l’intera altezza correttamente con l’angolo prospettico scelto. Al completamento della torre, la composizione stava gradualmente prendendo forma ed emulando il potere della Piazza, come se uno fosse ripreso nel tempo e si trovasse in cima alla piazza a guardarla … Il palazzo ducale fu la fase successiva dello studio del disegno, che non è cambiato molto negli ultimi 800 anni.

La fase successiva stava ricreando la Basilica. La forma principale non è cambiata dalla sua erezione, ma a un attento esame una quantità significativa di dettagli è cambiata nel corso dei secoli.

Il più importante è l’antica porta d’oro, che era originariamente a sinistra del Palazzo Ducale. Era molto ornamentale, ma alla fine del XV secolo fu deciso di smantellarlo e fonderlo per altri scopi.

Le altre caratteristiche chiave che sono cambiate sulla facciata della Basilica sono stati gli affreschi e un certo numero di statue. Nella mia interpretazione, ho incluso tutti gli affreschi e le sculture originali che erano nel lavoro di Gentile Bellini, per garantire autenticità nel mio lavoro.

L’aspetto più interessante dell’intero disegno deve essere la fase successiva dello studio. Prima della costruzione della torre dell’orologio, si ergeva un edificio a due piani con archi sottili e un gateway. A mio avviso, l’aspetto di questi antichi affascinanti edifici aggiunge un’atmosfera leggermente pittoresca all’intera composizione. A sinistra della Basilica sorgeva un antico Campanile, che è mostrato nello schizzo di Gentile Bellini, ma è stato lasciato fuori nel dipinto. Sulla base delle mie ricerche, ho scoperto che il Campanile è apparso in tre occasioni nei piani storici di Venezia, che ha verificato che in realtà si trovava lì. Per motivi del mio esame dei dettagli e della precisione, l’ho incluso nella mia composizione per emulare il potere della storia di essere “riportato in vita”.

La fase finale dello studio del sorteggio è stata quella di ricreare l’intero lato sinistro della Piazza. Questo con l’Ospizio Orseolo fu abbattuto nel 1500 per far posto agli attuali edifici a tre piani. L’edificio a sinistra di Piazza era simile all’Ospizio Orseolo, a due piani e con torrette sottili sulla facciata, con colonne sottili alla base. Al centro degli edifici il livello del tetto superiore era un piccolo terzo livello, con un tetto spiovente con finestre ad arco, che avrebbe trascurato la piazza sull’Ospizio Orseolo.

Al completamento degli edifici, la mia prossima sfida è stata la pavimentazione a spina di pesce originale della Piazza. Si può avere un’idea di come sia stata disposta la pavimentazione osservando attentamente il lavoro di Gentile Bellini e i primi dipinti del Canaletto.

La pavimentazione quadrata è stata originariamente costruita utilizzando sottili intarsi di marmo bianco diagonale, che correvano fino alla base della Basilica. Questi sono stati usati come marker per gli operatori del mercato per piazzare le loro bancarelle. La pavimentazione a spina di pesce è stata disposta con un angolo di quarantacinque gradi, dando una finitura incrociata in mattoni rossi.

Disegnare questo modello di pavimentazione originale è stata una sfida molto interessante ma difficile, poiché la linea di pavimentazione doveva essere tracciata in una regola prospettica a un punto.

A completamento dell’intera piazza intorno al 1480, l’aspetto sembra ancora più bello di quello di oggi … a mio avviso, poiché il mio disegno mostra in modo molto dettagliato la quantità di dedizione che gli architetti hanno avuto nel creare una piazza così impressionante per entrambi i commerci, adorare e divertirsi. Matthew Grayson.

Il disegno completo di Piazza San Marco (Ingrandire l’immagine con la rotellina del mouse)

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Matthew Grayson e dal Web. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.