Le maschere della Commedia dell’Arte, Colombina

0
844
Maurice Sand. Colombina. Maschere del Nostro Teatro. Edizioni Maestretti Milano

Le maschere della Commedia dell’Arte, Colombina

I primi lineamenti di quel carattere che diverrà poi la maschera di Colombina si trovano già nelle commedie di Plauto, fra le furbe ancelle, ciniche e adulatrici, sempre pronte a suggerire alla padrona malizie e astuzie. La personificazione antica della schiava complice interessata nei sotterfugi domestici e amorosi della padrona, diverrà poi la Servetta del teatro italiano e la Soubrette di quello francese, che ai nostri tempi finirà, dopo essere passata, conservando più o meno i tratti originali del carattere, per l’opera buffa e l’operetta, al varietà.

Il nome di Colombina compare per la prima volta nella Compagnia degli Intronati verso il 1530, ma a far di esso il nome di una maschera vera e propria sarà qualche decennio più tardi l’attrice italiana Carla Biancolelli, moglie dell’attore Pierre Lenoir, che recitava nella compagnia di Molière. Facendo allusione al suo nome d’arte, la Biancolelli si faceva raffigurare nei cartelloni reggendo al braccio un paniere dal quale facevano capolino due colombe, chiaro simbolo dell’origine campagnola del personaggio della Servetta.

Amante o marito di lei, che assumerà volta a volta i nomi di Berta, Franceschina, Diamantina, Marinetta, Violetta, Corallina, sarà sempre Arlecchino, al punto che, in una rappresentazione avvenuta a Parigi nel 1695, adatterà a giubba e gonna l’abito a toppe colorate del suo compagno, e assumerà il nome di Arlecchina, così come Pierette, la donna di Pierrot, si veste di bianco e s’infarina il viso.

Solo in qualche spettacolo, a tagliare la strada agli amori di Corallina e Arlecchino, interverrà un ricco pretendente di nome Leandro, ma basteranno poche astuzie a toglierlo di mezzo e a restituire la felicità alla classica coppia e il lieto fine per tutti. (1)

(1) Maschere del nostro teatro. Edizioni Laboratori Farmaceutici Maestretti Milano (1954).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.