La giustizia a Venezia: le querele e il processo

0
340
Magistrati veneziani, Sala dei Censori, Palazzo Ducale

La giustizia a Venezia: le querele e il processo

Le accuse secrete o pubbliche, dette nel linguaggio del foro querele e querelanti gli accusatori, quando erano ricevute si annotavano in un libro. Si procedeva quindi a compilare il processo, compilato il quale, lo si poneva in un archivio detto cassone, e poi, giusto in ordine di data, si presentavano alla deliberazione dei Dieci.

Per ordine dei capi dei Dieci, l’imputato era arrestato, senza formalità, improvvisamente, senza dar conto né a lui, né a suoi della casa dell’arresto. Per lo più la cattura era fatta nella notte, ed ecco come potesse dirsi che sparivano uomini. In carcere non poteva vedere i suoi se non in certi casi e quando era sostenuto per lievi delitti. Si è veduto però quali pratiche fossero necessarie prima di accettare le accuse secrete e le accuse pubbliche. Le semplici apparenze di delitti non potevano prestare argomento a processo.

L’imputato era condotto innanzi ad un collegio criminale composto di un avogadore e di un capo dei Dieci. Ivi era interrogato. Erano deputati alcuni notari ducali a scrivere i processi, e si chiamavano notari dei camerini. Due notari erano impiegati in ogni processo separatamente. Uno assumeva la parti dell’accusa; cioè udiva l’imputato quand’era accusato, notava le risposte alle accuse, i testimoni che erano per le accuse. L’altro assumeva le parti della difesa, notando le discolpe dell’imputato, i testimoni che lo difendevano.

L’imputato aveva diritto di chiamare testimoni e documenti scritti a difesa; inoltre poteva farsi aiutare dalla penna dell’avvocato, ma non dalla voce. Compiuto il processo dal collegio criminale e presentato al Consiglio dei Dieci, si leggevano tutti gli atti. L’avogadore placitava, accusava il reo e proponeva la pena. Poi si discuteva sul fatto e sul diritto.

Finita la discussione si proponeva la sentenza. Ognuno dei Dieci aveva diritto di proporre le minorazioni di pena, e ogni proposizione era messa a voti. Quella che otteneva la maggioranza era posta ad altre quattro prove. Approvata, era sentenza inappellabile. La sentenza era intimata al reo da un avogadore, presenti i capi. Le pene erano l’ammenda pecuniaria, il carcere a tempo, il carcere in vita, la galera a tempo e a vita, l’esilio, il confine, la morte di capestro e di ferro. (1)

(1) Venezia e le sue lagune Vol I (Stabilimento Antonelli, Venezia 1847)

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.