Palazzo Mocenigo, in Fondamenta San Giovanni, nell’Isola della Giudecca

0
174
Palazzo Mocenigo, in Fondamenta San Giovanni. Isola della Giudecca

Palazzo Mocenigo, in Fondamenta San Giovanni, nell’Isola della Giudecca

Questo era il palazzo del doge Alvise I Mocenigo, sposato con Loredana Marcello (1533), donna bella, virtuosa e colta, specialmente versata sulle scienze botaniche apprese nei libri e dalle lezioni di Melchiorre Guilandino mentre viveva a Padova col marito. Studiava perfino durante i pasti, e studiando dimenticava pranzo e cena. Amava anche la storia, di cui ripeteva a memoria i brani letti. Purtroppo un anno dopo la vittoria di Lepanto, l’11 dicembre 1572, la Marcello morì ancor giovane; ebbe solenni funerali, fu imbalsamata e pur vestita con l’abito delle monache del convento della Croce della Giudecca (per suo desiderio) le fu messo sopra una gran veste d’oro foderata di lupo cerviero, con veli, merletti, fiocchi e cuscino d’oro.

Il doge volle che lo stemma Marcello, nel costruendo palazzo giudecchino, venisse accompagnato da quello dei Mocenigo, per onorare la giovane moglie. Fu sotto il suo dogado che infierì la peste, nel 1576 vi fu il voto pubblico per la costruzione di un tempio per implorare la cessazione del terribile male, ed il Mocenigo assieme alla maggioranza del Consiglio, decise che la nuova chiesa (Redentore) sorgesse alla Giudecca, nell’isola tanto amata. Quando il Mocenigo, nel 1577, morì il nuovo palazzo era già costruito.

Già adibito a magazzini nel 1846, nel 1910 il giardino era occupato da due serbatoi-deposito dell’olio rimasti attivi sino al 1950 circa (Italiana Importazioni Olii). Nel 1976 l’interno del palazzo venne ristrutturato per ricavarne quattordici appartamenti, mentre rimaneva la facciata in pietra d’Istria. (1)

(1) FRANCESCO BASALDELLA. Giudecca. Cenni Storici

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.