Scuola degli spezieri da grosso (droghieri) sotto l’invocazione di Sant’Anna e San Gioacchino

0
144
Scuola dei Spezieri da grosso - Castello

Scuola degli spezieri da grosso (droghieri) sotto l’invocazione di Sant’Anna e San Gioacchino

Questa scuola di mestiere riuniva coloro che producevano e vendevano zucchero, dolciumi, spezie e confetti. Gli spezieri da grosso avevano una sede propria adiacente alla chiesa di Sant’Anna. Gli spezieri da grosso erano suddivisi nei seguenti ”colonnelli”: mandoleri (fabbricanti di olio di mandorle e venditori di mandorle e frutta secca), cerei, drogheri, raffinatori da zuccaro, confettieri o spezieri da confetti (fabbricanti e venditori di confetti e confetture). Nel 1773 quest’arte contava 190 addetti così suddivisi: 42 garzoni, 71 giovani e 77 capimastri, ripartiti in 84 botteghe. Nel 1636 la nuova scuola venne ricostruita “nell’ultima parte del rio, nel proprio recinto, vicino alla chiesa“. Nell’anno 1637, terminata la costruzione della scuola, venne deciso di costruire un altare di pietra viva, nella cui pala con la Madonna e Sant’Anna c’era anche San Gioacchino, e un altare anche nella parte superiore della scuola. (1)

(1) GASTONE VIO. Le Scuole Piccole nelle Venezia dei Dogi (2012). Ed altre fonti

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.