La Madonna delle Grazie, nella Chiesa di San Giovanni Grisostomo (o Crisostomo)

0
193
Madonna delle Grazie. Chiesa di San Giovanni Grisostomo

La Madonna delle Grazie, nella Chiesa di San Giovanni Grisostomo (o Crisostomo)

La Madonna delle Grazie o Madonnina, prima della guerra 1915-18, era sistemata dentro una nicchia sopra il portale laterale, nell’interno della chiesa di San Giovanni Crisostomo (Grisostomo), di fronte all’altare di Sant’Antonio. Con la caduta di una bomba austriaca, la notte fra il 26 e il 27 febbraio 1918, tra la calle e il campiello adiacenti la chiesa, la Madonnina cadde giù dal portale e andò ad infilarsi con la testa sul fondo di uno scanno, prodigiosamente senza riportare nessun danno; il fatto parve soprannaturale e il vicario Pietro Pulito collocò provvisoriamente il busto sopra una panchina di marmo situata nell’altare degli Apostoli. 

Nel frattempo molti fedeli andavano ad inginocchiarsi davanti alla Madonna, con molta devozione, offrendo candele, lumini, fiori, cuori d’argento e denaro. Dopo qualche anno, una signora, fece costruire da un orafo di Venezia, l’aureola di stelle posta sulla testa della Vergine.    

La triste situazione di tante famiglie che avevano i loro cari al fronte, e la paura delle incursioni aeree, fecero che molti vedessero in quella piccola immagine il simbolo delle sofferenze umane. Nacque così, in modo spontaneo, la devozione verso la Madonna,  a lei accorrevano da  ogni parte della città e l’afflusso dei fedeli crebbe ancora di più. Allora il vicario don Pietro Pulito decise di porre l’immagine il luogo più accessibile e visibile e la collocò dove si trova attualmente, presso la porta laterale destra. Don Luigi Semenzato, nel 1942,  fece aprire e decorare la nicchia nella quale oggi la statua è venerata.

Per tutto il corso della seconda guerra mondiale vi fu un continuo aumento di devozione: innumerevoli madri e spose affidarono i loro cari alla protezione della Madonnina. La fine della guerra non diminuì la devozione, dimostrando così che i veneziani accettavano con autentica fede questa singolare manifestazione Mariana.

Intanto il primo settembre 1947 veniva nominato vicario Don Giovanni Zanin. Grazie alla sua instancabile attività la chiesa  divenne uno dei centri più attivi del culto in onore della Vergine. Il riconoscimento di tanto fervore di opere giunse a felice conclusione nel marzo del 1977, quando il patriarca Albino Luciani promulgò il decreto con il quale riconosceva alla chiesa di San Giovanni Crisostomo il titolo di santuario. Il patriarca poi, il 1 maggio 1977, proclamava, nel corso di una funzione solenne, la detta Chiesa Santuario della Madonna delle Grazie. (1)

(1) Don Giovanni Zanin (a cura di). Chiesa San Giovanni Grisostomo e Santuario Madonna delle Grazie in Venezia. Dolo 1978

 

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.