Gli abiti degli Ebrei

0
152

Gli abiti degli Ebrei

Non si deve tralasciare l’abito degli Ebrei che dimorano nel Ghetto, perché in questa felice città, frequentata da gente di ogni lingua, ci vennero anche costoro, i quali la prima volta si misero in Spinalunga, che poi rispetto ad essi fu detta Giudecca.

L’anno 1349, fu ordinato che non potessero fermarsi più di quindici giorni, e che non dessero soldi ad usura; ma che portassero la lettera O sopra il petto. Settantaquattro anni dopo fu vietato che possedessero case, e nel 1425 si ripubblicò il decreto di applicare l’O al collo, con cordella gialla. Nell’anno 1516, si ridussero in un luogo separato dai cristiani chiamato Ghetto, e perché fossero conosciuti, si statuì, che mettessero sopra il capo beretta gialla, e in seguito il cappello rosso per legge del Senato 1680.  

Sta il Ghetto nel sestiere di Cannaregio, nel quale si entra (dopo l’aumento dei Spagnoli) per tre porte, e nel mezzo vi è la piazza con un albergo, sotto la cura di una cittadino, incaricato di vigilare, che li poveri non siano ingannati, in rapporto a pegni. Poiché fioriva il commercio, i Giudei erano in questa Dominante opulentissimi; e più che in altra parte d’Italia vivono qui volentieri, come vera Terra Promessa.

La Nazione ebrea non stà aziosa, e raccolgie quanto ogni arte ben esercitata in varie guise, le loro donne però sono sottoposte a male d’occhi, per la continua attenzione al cucire a lume di lucerna in cattive abitazioni, rinchiuse tra strade anguste. Tengono per lo più le finestre aperte a motivo della puzza, che recano le robe vecchie comprate in ogni circostanza. (1)

(1) Giovanni Grevembroch. Gli abiti de Veneziani di quasi ogni età con diligenza raccolti e dipinti nel secolo XVIII. Volume III

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.