La Batèła a coa de gàmbaro

0
1897
La Batèła a coa de gàmbaro sul Rio de la Madonna de l'Orto

La Batèła a coa de gàmbaro

Apparteneva alla famiglia delle batèłe, che si differenziavano tra di loro dalla lunghezza e dalla stazza (batèle e batèloni), ma due erano le più conosciute: la batéla buranèła e la batèła veneziana detta a coa de gàmbaro, la prima con la poppa a specchio inclinato, la seconda con poppa rotonda e con l’asta alta e rientrante. La batèla era asimmetrica e inclinata sul lato destro, come le gondole e i puparìni, per correggere il peso del vogatore, che stando in piedi sulla coperta di poppa, sbilanciava la barca a sinistra. La batèla buranèła iniziò a scomparire negli anni ’60 soppiantata dai mototopi a motore. (1)

(1) GIANFRANCO MUNEROTTO. La batèla umile protagonista. Mare di Carta (Venezia, 2001)

La prima foto mostra un modellino di batèa a coa de gàmbaro di proprietà dello squerariòlo Alcide Battistin, con le mostrine gialle e rosse probabilmente del fitabatèle Navarbi Giovanni detto Nino, sul Rio de San Boldo, in Corte Mariani.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alcide Battistin & Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.