Famiglia Lezze

0
3311
Stemma della famiglia Lezze. Famiglie Venete con le loro armi. Biblioteca Estense universitaria

Famiglia Lezze

Alcuni scrittori fanno venuta la patrizia famiglia Lezze da Lecce in Puglia nel 973, ed altri da Ravenna nel 1005, dicendo che era di un sangue medesimo con i Traversari, e che le derivò il nuovo cognome da una legge di generale utilità, proposta al governo. Essa nel 1488 cooperò alla fondazione della Chiesa dei Santi Rocco e Margarita.

Si ha memoria di un Silvestro Lezze, o da Lezze, che, con sentenza 13 aprile 1489, fu condannato a sei mesi di carcere, ed a due anni di bando perchè, insieme agli altri nobili Leonardo Bembo, Alvise Soranzo, Filippo Paruta, Alvise Loredan, e Giusto Gauro, si avevano dilettato di andar portando via i fazzoletti da naso alle ragazze, accorse all’indulgenza di San Giovanni Grisostomo. Questa, che non doveva essere che una burla, o giovanile scappata, così severamente punita in vista soltanto al luogo, ed al tempo in cui venne commessa, non vale ad oscurare i meriti della famiglia Lezze, meriti che specialmente spiccarono in un Antonio difensore di Scutari nel 1476, ed in un Giovanni, creato dall’imperatore Carlo V nel 1532 conte di Santa Croce sulla Piave, molte volte ambasciatore, e finalmente provveditore in Dalmazia, ed Albania. I Da Lezze fabbricarono un ricco mausoleo in Chiesa dei Crociferi, poi dei Gesuiti, nonchè, sopra disegno del Longhena, quel magnifico palazzo alla Misericordia. (1)

Lo stemma gentilizio della famiglia Lezze, secondo la descrizione data dal Freschot, era: “di azzurro partito d’argento con una filiera, o cotissa ondata de colori opposti ”. (2)

(1) Giuseppe Tassini. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. Tipografia Grimaldo Venezia 1872

(2) Casimiro Frescot. La Nobiltà Veneta ossia Tutte le Famiglie Patrizie con le figure de suoi Scudi e Arme. Venezia 1707

Dall’alto in basso, da sinistra a destra: Canal Grande, 3311 (San Marco) – Campo San Zaninovo, 4432 (Castello) – Calle del Tragheto, 180 (Doroduro) – Calle del Pestrin, 3508 (San Marco) – Rio Terà Lista di Spagna, 134 (Cannaregio) – Calle Lezze, 3311 (San Marco)

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.