Santa Marta, la santa ammansitrice della Tarasca, nella Chiesa di San Nicolò dei Mendicoli

0
216
Santa Marta nella Chiesa di San Nicolò dei Mendicoli

Santa Marta, la santa ammansitrice della Tarasca, nella Chiesa di San Nicolò dei Mendicoli

La leggenda agiografica narra dell’arrivo miracoloso in terra provenzale di Marta, assieme alla sorella Maria Maddalena, al fratello Lazzaro, alla serva Marcilla e al vescovo Massimino, sopra una nave senza remi e senza vele che, nelle intenzioni dei persecutori, doveva assicurare la morte per naufragio.

L’episodio più famoso di Santa Marta in terra provenzale è la cattura della Tarasca, mitico mostro eponimo della città di Tarascona; si crede che il mostro avesse sei zampe, il corpo coperto da una solida corazza, una lunga coda squamosa e la testa di un leone. Marta lo affrontò da sola, lo asperse di acqua benedetta e lo legò con la sua cintura per consegnarlo agli abitanti.

Nella chiesa di San Nicolò dei Mendicoli la Tarasca campare vicino alla statua della santa collocata sull’altare all’inizio della navata sinistra, proveniente dalla soppressione napoleonica della Chiesa e del convento di Santa Marta. (1)

(1) Andrea Gallo Stefania Mason. Chiesa di San Nicolò dei Mendicoli. Arte e devozione. Marsilio Editore

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.