La Fenice, l’uccello mitologico, bassorilievo su pietra da camino sul Palazzo D’Anna Volpi a San Beneto

0
325
La Fenice, bassorilievo presso l'ingresso del Teatro La Fenice.

La Fenice, l’uccello mitologico, bassorilievo su pietra da camino sul Palazzo D’Anna Volpi a San Beneto

La Fenice è il più celebre fra gli animali favolosi dell’antichità, dagli Arabi definita come una creatura di cui non si conosceva il nome e si ignorava il corpo. La si immaginò della grandezza di un’aquila; con la testa ornata di una cresta o ciuffo luminoso; le penne del collo dorate, le altre di color porpora; la coda bianca, mescolata a penne incarnatine, e gli occhi scintillanti come stelle.

Si credeva che la fenice unica, isolata, abitasse i deserti dell’Arabia, e vivesse diversi secoli. Plinio afferma che le fu posto il nome derivato da un albero detto fenice, il quale presso i Romani era la stessa palma, e ciò perchè tra quelle che sono selvatiche, se ne trovò una la quale moriva seccava e poi da se stessa rinasceva e rinverdiva.

Altri vogliono che il suo nome derivi dal greco phonix, rosso, allusione ai Fenici, i quali furono i primi a scoprire la porpora.  Secondo Ovidio, la Fenice, dopo aver trascorsi i secoli della sua lunga vita, composto alla sommità di una palma un nido fatto di cassia, nardo, cinnamomo e mirra sopra questo si pone, e così in quelli odori finisce il tempo della sua vita, e dice che dal corpo del padre subito nasce un’altra Fenice, la quale, dopo essere cresciuta, e acquistata la forza sufficiente per sopportare il peso, stacca quel nido dai rami, portandolo davanti alle porte del tempio del Sole (in Eliopoli, città dedicata al Sole). Aggiunge che i sacerdoti d’Egitto con grande onore e riverenza prendevano questo uccello morto, facendogli delle esequie misteriose, che a molti altri animali sacri costumavano fare.

La credenza comune vuole però che la Fenice rinascesse dalle proprie ceneri. La favola di questo meraviglioso uccello viene anche menzionata dagli scrittori rabbini e dai più antichi padri della Chiesa cristiana. I primi ritenevano che la ragione per cui la Fenice vive così lungo tempo, ed è in certo modo esente dalla morte, è perchè fu il solo animale che non mangiasse del frutto vietato del paradiso. (1)

A Venezia si può vedere immortalata la Fenice: presso il Teatro alla Fenice a San Fantin, su pietre da camino infisse sui muri esterni di alcune case, sulla facciata del palazzo D’Anna Volpi a San Beneto, e su una lesena della facciata del palazzo Vendramin a Santa Fosca.

(1) Giuseppe Ronchetti. Il Dizionario Illustrato dei Simboli. Ulrico Hoepli Editore Milano 1922

 

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.