Il gioco del lotto e della tombola

0
493
Gabriele Bella. Estrazione pubblico lotto. Fondazione Querini Stampalia (foto dalla rete)

Il gioco del lotto e della tombola

Il gioco del lotto iniziò a Venezia sotto il nome di lotterie. Fino dal 1521 si tenevano a Rialto lotterie clandestine che iniziarono con premi di tapetti, mobili, etc., quindi in breve tempo si arrivò al gioco di denaro e non più di merci.

ll 19 marzo 1734 con decreto della Signoria s’istituiva il primo lotto pubblico. La prima estrazione in Venezia seguì il 5 aprile 1734. Dalla sua istituzione il gioco del Lotto non fu mai interrotto sotto la Repubblica, dal 1734 a tutto il 1758 si fecero nove estrazioni all’anno, dal 1759 al 1776 dieci, e negli anni seguenti dieci, undici, e talvolta dodici fino alla caduta della Serenissima.

La Loggetta del Sansovino, ai piedi del campanile di San Marco, già utilizzata dalla Guardia d’onore (cinquanta maestranze delll’Arsenale) che sotto il comando dei tre Procuratori de supra, de citra e de infra, presidiava la piazza durante le riunioni del Maggior Consiglio, venne destinata, nel 1734, come luogo per l’estrazione del lotto.  Il Savio cassiere del Collegio ed altri magistrati presiedevono a questa estrazione, consuetudine questa, che venne mantenuta fino al crollo del campanile nel 1902.  In quell’anno l’estrazione del lotto venne trasferita in Riva del Vin nella sede della Direzione del Lotto. (1)

(1) Giuseppe Tassini. Feste, spettacoli, divertimenti e piaceri degli antichi veneziani. Venezia. Stabilimento Tipografico Fontana. 1891 e L’Arte volume XIII 1910.

FOTO: dalla rete. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.