Il censimento della popolazione di Venezia nel 1509, e suoi 300mila abitanti

0
475
Pamoramica del Molo di San Marco, dal Campanile di San Giorgio

Il censimento della popolazione di Venezia nel 1509, e suoi 300mila abitanti

Alla fine di maggio del 1509, dopo la sconfitta dei veneziani ad Agnadello (o Ghiaradadda), tutti i Domini di Terra della Serenissima erano sconvonti dalla presenza degli eserciti dei collegati di Cambrai. Moltissimi erano i cittadini in fuga verso la Dominante, si pensava allora che i francesi sarebbero arrivati alle “ripe salse” (ai bordi della laguna), per cui anche la popolazione di Mestre era in fuga.

Il giorno 3 giugno del 1509, di domenica, dodici deputati ai sestieri si riunirono in palazzo Ducale ed elessero, “trati di libri di le discrition di le contrate, fate per li X savij a tansar“, due gentiluomini e due cittadini per contrada, i quali dovevano andare casa per casa, e vedere coloro che vi abitavano, che lavoro facevano, di quale nazione erano, e se fossero stati milanesi, bergamaschi o bresciani dovevano, a dextro modo, ordinare loro di andarsene dalla città. 

Il giorno successivo i duecentosettantadue incaricati, erano allora sessantotto le contrade (o parrocchie), iniziarono la loro “descrizione delle anime” della città, e il giorno 15 di giugno presentarono ai capi del Collegio il risultato della rilevazione. Il censimento riportava un dato eccezionale per quel tempo (e a maggior ragione per oggi), il totale degli uomini, donne, vecchi, puti e pute era di 300 mila anime, senza contare i frati e le monache.  (1)

ConoscereVenezia

(1) Marin Sanudo I Diari. Vol XVIII

FOTO: dalla rete. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.