Il leone di San Marco e una croce incisi su una colonna d’angolo del Sotoportego del Banco Giro, nel Sestiere di San Polo

0
1189
Il leone e la croce incisi sulla colonna d'angolo tra il Sotoportego del Banco Giro e la Ruga dei Oresi, nel Sestiere di San Polo

Il leone di San Marco e una croce incisi su una colonna d’angolo del Sotoportego del Banco Giro, nel Sestiere di San Polo

I condannati per delitti non di sangue, prima di essere banditi o messi in prigione, dovevano andare da Piazza San Marco alla statua del Gobbo a Rialto (il Gobbo è una statua che sorregge la scala per salire sopra la pietra del Bando, dove venivano letti i bandi e le condanne), e durante questo tragitto venivano frustati. Quando arrivavano alla meta, davanti al Gobbo, i condannati si inginocchiavano ad abbracciare e baciare la statua, per la fine delle loro sofferenze (per quel giorno).

Il Sanudo racconta in una cronaca del 1519, ripresa da Giovanni Malgarotto nel Gazzettino del 2 aprile 1926, che un falso mendicante, che fingeva di essere muto, venne condannato ad essere frustato da San Marco a Rialto: “Prima il solito comandador lesse la sentenza, poi cominciarono a funzionare le scurie di cuoio sul dorso nudo del paziente. Egli per finir più presto il tormento si diede a correre per le marzarie, ma sul ponte di piera dei Barratteri inciampò e cadde mentre le scuriade gli piovevano addosso fitte come gragnuole“.

La Repubblica trovava che inginocchiarsi e baciare la statua del Gobbo fosse molto sconveniente, per cui decise nel 1545, di far incidere, sulla prima colonna d’angolo tra il Sotoportego del Banco Giro e la Ruga degli Oresi, un leone in “moeca” mentre legge un libro, e una piccola croce; in questo modo i condannati, alla fine del loro supplizio, avevano qualcosa di più consono da baciare; la croce sotto il vigile controllo della Repubblica.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.