Gli arcangeli dimenticati: Uriele, Barachiele, Sealtiele e Geudiele, nella Chiesa di Santa Maria Assunta dei Gesuiti

0
741
San Sealtiele Arcangelo. Chiesa di Santa Maria Assunta dei Gesuati

Gli arcangeli dimenticati: Uriele, Barachiele, Sealtiele e Geudiele, nella Chiesa di Santa Maria Assunta dei Gesuiti

Fra l’immenso numero degli angeli che fanno corona al trono di Dio, vi sono alcuni eccellentissimi eletti per natura e potestà, i quali più da vicino assistono alla Divinità. La Santa Scrittura accerta che questi eletti sono chiamati arcangeli e che sono in numero di sette. Questi arcangeli sono pubblicamente onorati ed invocati dalla Santa Chiesa, tre di loro l’arcangelo Michele che combatté e sconfisse Lucifero, l’arcangelo Raffaele quida e difensore del giovane Tobia e l’arcangelo Gabriele nunzio dell’incarnazione alla Vergine Santissima sono ampiamente conosciuti.

Gli altri quattro arcangeli per i quali non si hanno accertate testimonianze, sono poco conosciuti e quasi dimenticati, i loro nomi sono: Uriele, Barachiele, Sealtiele e Geudiele. Tre di questi arcangeli (escluso Geudiele) sono rappresentati in forma di statue nella Chiesa di Santa Maria Assunta dei Gesuiti.

Il primo degli arcangeli dimenticati è Uriele, che significa luce o fuoco di Dio, dovendo per il suo ministero illuminare la mente degli uomini ed accenderne il cuore. È nominato nei libri antichi, ma non canonici. Credono alcuni che egli con spada di fuoco allontanasse dal paradiso i nostri progenitori. Uriele tiene attraverso del petto una spada, e presso al sinistro piede una vivida fiamma indizio del ministero a lui attribuito di punire con la spada la prima colpa, di accendere ed illuminare gli uomini.

Il secondo si chiama Barachiele, cioè benedizione di Dio e la ragione del nome si desume dal ministero dell’arcangelo, il quale chiama sopra di noi le divine grazie, e invita ogni uomo a benedire il signore Dio delle misericordie e padre di tutte le consolazioni. Bararachiele porta un vaso di olezzanti rose simbolo dell’onore che l’uomo rende a Dio benedicendolo.

Il terzo è denominato Sealtiele, ossia orazione di Dio, questo prega per gli uomini, e gli eccita all’orazione. Nella Genesi è ricordato un angelo venuto per Agar a comandarle di tornare alla sua padrona (Sara moglie di Abramo) dalla quale era fuggita, dandole promessa di un figlio padre di una nazione feroce, che di lei e da Abramo nascerebbe, e avrebbe nome Ismaele. Sealtiele ha gli occhi inchinati a terra, le mani conserte al seno si mostra raccolto in fervida preghiera.

Il quarto si chiama Geudiele, si crede fosse destinato a fugare gli incirconcisi, e ad introdurre il popolo d’Israele nella terra promessa. Il suo nome significa confessione o lode di Dio, perchè a questo esorta, e consiglia gli uomini. Geudiele ha nella destra una corona d’oro a premio dei perfetti, e nella sinistra un flagello di tre nere funi a stimolo dei penitenti. (1)

(1) La devozione ai santi sette Arcangeli assistenti al trono di Dio. Imola 1842

Dall’alto in basso, da sinistra a destra: San Sealtiele Arcangelo; San Gabriele Arcangelo; San Uriele Arcangelo; San Raffaele Arcangelo; Chiesa di Santa Maria Assunta dei Gesuiti; San Michele Arcangelo; San Barachiele Arcangelo

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.