Rio Novo, tra i Sestieri di Santa Croce e Dorsoduro

0
146
Rio Novo dalla Fondamenta di Santa Lucia - Cannaregio

Rio Novo, tra i Sestieri di Santa Croce e Dorsoduro

Il rio, escavato ex novo tra il 1932 e il 1933, venne ricavato dallo sventramento del vasto polmone verde che faceva parte del giardino Papadopoli, la cui famiglia proprietaria risiedeva in un attiguo palazzetto secentesco detto Cà Foresti-Papadopoli. Il largo rio aveva lo scopo di collegare in maniera rapida il nuovo piazzale automobilistico con il bacino San Marco ed il Lido, zone su cui si focalizzava (da sempre) l’interesse della classe politica in favore di una città turistica. Magazzini ad uso di cereria ed altre piccoli insediamenti commerciali dovettero soccombere per consentire il prolungamento del nuovo canale verso il Rio de Ca’ Foscari, così come scomparvero calli e corti, a loro volta sostituite da ponti e fondamente. Nella parte rimanente dei giardini, come ci lascia vedere l’immagine, vennero ospitati per alcuni anni due leoni africani: Marco e Roma, omaggio dell’allora governatore della quarta sponda, Graziani, alla città. (1)

Viene attraversato dai seguenti ponti:

fino ai Tre Ponti è situato nel sestiere di Santa Croce, per un breve tratto segna il confine tra Santa Croce e Dorsoduro, e dal Ponte de la Cereria è tutto all’interno del sestiere di Dorsoduro.

Sulle sue rive si affacciano:

  • Piazzale Roma
  • Campazzo tre Ponti
  • Fondamenta dei Tre Ponti
  • Fondamenta de la Cereria
  • Fondamenta del Rio Novo
  • Fondamenta del Passamonte
  • Fondamenta del Magazen
  • Fondamenta e Campiello dei Lavadori de Lana
  • Fondamenta Papadopoli

(1) https://github.com/mitchellwills/

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.