La vita, le persone e i costumi popolari della Veneţia de Jos in Transilvania

0
795
Veneţia de Jos. Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia - Palazzo Correr (Campo Santa Fosca). Sestiere di Cannaregio

La vita, le persone e i costumi popolari della Veneţia de Jos in Transilvania

Il nome del paese di Veneţia de Jos è rimasto immutato nel tempo, fin dal 1235. Molte sono le teorie che fanno riferimento a questo nome, e non si può escludere il legame con i veneziani.

La Transilvania, avendo alcune delle miniere di sale tra le più importanti d’Europa, era diventata nel tempo un centro principale nel commercio del sale. Il transito delle merci avveniva sulle cosiddette Strade del sale della Transilvania, sia via terra che via acqua. I veneziani, secondo un trattato che avevano dal 1082 con l’imperatore bizantino Alessio Comnem, avrebbero portato con le loro navi il sale dal fiume Olt fino in fondo al Danubio e poi al Mar Nero.

Molto probabilmente, nei loro viaggi lungo le Vie del Sale, i veneziani fondarono un borgo, vicino al fiume Olt, dandogli il nome della loro città, o altre persone possono avere più tardi chiamato il luogo dai suoi primi abitanti.

In mostra alcuni costumi popolari degli abitanti della Veneţia de Jos: il sumna, l’abito femminile da festa composto da un’ampia gonna e un laibar (gilet) di seta, e gli abiti da uomo e da donna per le feste di Natale e per l’Epifania. (1)

(1) Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia – Palazzo Correr (Campo Santa Fosca) Cannaregio Institutul Cultural Român Veneţia (icr.ro)

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.