Fontana di Calle dei Bergamaschi

0
652
Fontana di Calle dei Bergamaschi

Fontana di Calle dei Bergamaschi

Fontana in ghisa a forma di colonna affusolata che si restringe verso la parte superiore, nel mezzo un grosso nodo ottagonale, con due lati decorati con delle teste di leone, quattro lati con dei fiori riquadrati, un lato vuoto e uno, più elaborato, fornito di un piccolo beccuccio da dove fuoriesce l’acqua a getto continuo. Sopra una delle due teste di leone figura la scritta “FONDERIA F.LI LAYET”

La ditta Layet, del francese Federico Layet, era officina meccanica e fonderia, sita nel sestiere di Castello tra Calle San Domenico e l’attuale Riva dei Sette Martiri, da dove venne espulsa con la costruzione della Riva dell’Impero (1937). Della ditta, che nel 1887 contava 61 addetti, rimangono le case per gli operai in Campazzo de l’Erba, costruite dalla ditta intorno al 1890, per fare fronte alle richieste di abitazioni delle famiglie operaie, con piano terra adibito ad officina e i piani superiori a residenze.

Calle dei Bergamaschi. Dal territorio di Bergamo venivano a Venezia molte famiglie di artigiani ad esercitarvi varie arti e mestieri. E molti anche provenivano ad uno scopo eguale e dal Friuli e dall’Alpago, e perfino dai Grigioni e dalla Svizzera. Venezia a quei tempi beati sapeva e poteva dar pane a tutti. (1)

(1) BERNARDO e GAETANO COMBATTI. Nuova planimetria della città di Venezia. (VENEZIA, 1846 Coi tipi di Pietro Naratovich).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.