Corte del Santissimo, nel Sestiere di San Marco

0
416
Corte del Santissimo. Sestiere di San Marco

Corte del Santissimo, nel Sestiere di San Marco

Il nome della corte deriva dall’immagine del Santissimo, scolpita in pietra sul prospetto di una casa con sopra le parole: Sia Laudato il Santis Sacramento, ed intorno e sotto le altre: Regi Seculorum Immortali Et Invisibili Domus Et Om.ia P.ri Caimi M.ei VIII 7bris Die Nativitatis Virgs Mariae Anno Domini MDCLXV, che noi interpretiamo: Al Re Dei Secoli Immortale Ed Invisibile Le Case e Tutte Le Proprietà Di Pietro Caimo Medico (vengono offerte) VIII Settembre, Giorno Della Natività Di Maria Vergine, Anno Del Signore MDCLXV.

Ritroviamo infatti che l’Ecc. Piero Caimo Medico q. Azino da Udine comperò il 16 luglio 1658 dai Procuratori de Supra, quali commissari di Marcantonio Morosini, una casa posta in contrà di San Mauritio, e rileviamo dalla Descrizione della parrocchia di San Maurizio pel 1661 che la casa suddetta, in quel tempo appigionata al sig.r Co. Paolo Conti Padovano, sorgeva precisamente nella corte fin da allora detta del Santissimo.

Crediamo poi che l’anno 1665 dell’iscrizione segni l’epoca nella quale Pietro Caimo riedificò il proprio stabile, e rinnovò insieme l’immagine del Santissimo colà prima esistente. Pietro Caimo nel 1661 abitava in parrocchia di San Giuliano, giù del Ponte dei Ferali, in una casa di D.o Biasio e Marco fratelli Donati, possedendo in quelle vicinanze altre due case comperate dalla Procuratia de Citra. (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.