Corte del Magazen a San Beneto, nel Sestiere di San Marco

0
1859

Corte del Magazen a San Beneto, nel Sestiere di San Marco

Ecco come il Boerio nel suo Dizionario del dialetto Veneziano definisce il magazen, o magazzino: “Bottega dove si vende vino al minuto, e dove ai tempi Veneti si ricevevano effetti in pegno, pei quali ritraevansi due terzi in danaro, ed un terzo in vino pessimo, detto appunto Vin da pegni”.

I Magazenieri da vin avevano Scuola di devozione, secondo la Guida del Coronelli (Edizione del 1700), in chiesa di San Salvatore, sotto il patrocinio di San Nicolò vescovo di Bari. Le loro botteghe erano per l’addietro, molto più che adesso, teatro di tresche scandalose tanto nel carnevale, quanto negli altri tempi dell’anno, dal che fanno fede vari autori, e fra gli altri il Dotti, il quale nella sua satira intitolata La Quaresima lasciò scritto: “Altri vanno ai magazzini / Dove mai non è penuria / D’appostati camerini / Per ricorro alla lussuria”. (1)

(1) Giuseppe Tassini. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (Venezia, Tipografia Grimaldo. 1872).

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.