Pax tibi, Marce, Evangelista meus (Jesus dixit)

0
242
San Marco in forma di Leone consegna lo stendardo ai confratelli della Scuola Grande di San Marco. Museo Correr

Pax tibi, Marce, Evangelista meus (Jesus dixit)

Tutti conoscono la scritta famosa che si legge nel Vangelo fra gli artigli del Leone di San Marco; Pax tibi, Marce, Evangelista meus.

Ma la leggendaria origine di questo saluto è falsata da molte guide e anche da qualche assai avventato scrittore di storia. Le note parole infatti sono poste da costoro in bocca a un Angelo che appare all’Evangelista. E’ uno sproposito. Giacché è evidente che l’Angelo non poteva salutare il Santo con l’appellativo di Evangelista mio assendo San Marco, non evangelista dell’Angelo, ma di Cristo.

Infatti nella semplice narrazione contenuta nel Chronicon venetum di Andrea Dandolo, l’Angelo apparso all’Evangelista dormente lo saluta con le parole: “Pace a te, o Marco evangelista del Signore“. Ed è cosa naturalissima. Ma come avvenne l’equivoco?

Bisogna ricorrere a un altro periodo della vita del Santo, quello del suo martirio. Donde si apprende che, mentre il Santo diceva la Messa nella piccola chiesa cristiana d’Alessandria d’Egittto, sopraggiunti d’improvviso gli Infedeli, gli gettarono una catena al collo e così come era, parato degli abiti sacerdotali, lo trascinarono a furia fino a sera per le vie della città. Poi con le membra spezzate e tutto sanguinante lo gettarono in carcere.

Fu allora che, nel cuor della notte, al Santo dolorante e pressochè morente apparve Cristo fra un immenso splendore di luce confortandolo e salutandolo con le dolci parole: “Pax tibi, Marce, Evangelista meus!“. La mattina di poi si ripetè il barbaro supplizio e il Santo ci lasciò la vita.

E’ chiaro ora come per la confusione dei due episodi potè aver luogo l’errore. (1)

(1) Giovanni Malgarotto. IL GAZZETTINO, 13 ottobre 1923

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.