Il Bucintoro

0
432
Album Amicorum of a German Soldier Italy, 1595. Los Angeles County Museum of Art Members

Il Bucintoro

Il famoso Bucintoro, che si vuole risalga al 1310 sotto il doge Pietro Gradenigo e che tanta parte ebbe nelle feste civili e politiche della Repubblica, era tutto dorato e superbamente scolpito: lungo piedi veneti cento (metri 34,800), largo 21 (metri 7,308), alto 24 (metri 8,352). Era diviso in due piani; nel piano inferiore stavano i remiganti che per privilegio erano arsenalotti, quarantadue remi mossi da centosessantotto vogatori; il piano superiore formava un salone di rara magnificenza. Esso era tutto coperto di velluto cremisino con guarnizioni e fiocchi d’oro: a poppa stava il seggio ducale adorno di baldacchino, di statue, di fregi; intorno i superbi sedili delle alte magistrature; a prora giganteggiava la statua della Giustizia, simbolo civile della Repubblica, come il Leone ne era l’emblema politico.

Il salone aveva quarantotto finestre e dietro il seggio ducale si apriva un finestrino, dal quale il principe gettava l’anello in mare nella festa dello “Sposalizio“, e la porticella dorata che lo chiudeva fu la sola reliquia salvata dall’incendio democratico del 1797, ed ora custodita nel nostro Museo. Le statue, gli arazzi, i tappeti d’oriente, sontuosamente profusi, facevano del naviglio una meravigliosa opera di ricchezza e di arte.

Sulla etimologia del nome varie sono le opinioni: Marin Zorzi, nella Promissione del 1311, lo chiama “Bucentaurus” dal Virgiliano naviglio “centauro“; altri da piccolo “buzo“, nave, “buzin d’oro“, bucintoro; altri ancora da “ducentorum“, ché duecento erano gli uomini che anticamente lo dovevano vogare.

L’ultimo Bucintoro fu costruito nel 1729.

(1) Giovanni Malgarotto. IL GAZZETTINO, 14 febbraio 1925

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.