Le donne e i 23 caffè della Piazza San Marco

0
467
Procuratie Nuove e il Caffè Florian. Giovanni Antonio Canal, detto il Canaletto (Venezia, 17 o 18 ottobre 1697 – Venezia, 19 aprile 1768),

Le donne e i 23 caffè della Piazza San Marco

Il 28 gennaio 1776 fu pubblicata una legge del Consiglio dei Dieci che fece gran chiasso nella città, specialmente fra le donne, patrizie e cittadine, per le quali appunto la legge era stata fatta. Il Consiglio “statuiva che per il viver troppo libero e licenzioso delle femmine, queste non possano entrare nelle botteghe da caffè e nei camerini delle stesse né di giorno, né di notte e molto meno fermarsi in quelle o in quelli“. L’esecuzione della legge venne affidata alla prudenza, zelo ed attività degli Inquisitori di Stato, e nei primi giorni tutte le donne ubbidirono tanto era il timore che incutevano i Babai, cioè i tre Inquisitori. Ma cominciò un poeta a protestare, l’abate Angiolo Maria Labia, che, senza le donne, prevedeva la chiusura dei caffè:

Liogo e lusso spuar ne fa i polmoni,
La religion xe andata in precipizio
E i cafè fé serar? Oh che cogioni!

Cominciata la battaglia dai poeti, anche le donne scesero in campo. Il 15 febbraio, verso l’ora di vespero, tutti i ventitré caffè della Piazza erano pieni di patrizie e cittadine nelle loro vesti de parada. Missier grande, il famoso Cristofoli, a quella vista corse dall’Inquisitor Barbarigo e questi con il suo solito muso duro rispose:”

Missier, fè rispetar la legge
– La xe meza Venezia femenil, la vegna a vedar Zelenza
Ho dito, fè rispetar la legge.
– Ho capio, mi fasso serar le boteghe
“.

e seguito da molti sbirri, tra episodi comici, scherzi e risa, fece chiuder le ventitré botteghe.

Ne venne un gran malumore, molti patrizi protestarono e il Consiglio dei Dieci, che non era più quello di un tempo, il 5 marzo annullava il decreto durato appena trentacinque giorni. (1)

(1) Giovanni Malgarotto. IL GAZZETTINO, 26 novembre 1926.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.