Ponte de la Scoazzera, tra il Rio di Santa Ternita e il Rio dei Scudi

0
997
Ponte de la Scoazzera, tra il Rio di Santa Ternita e il Rio dei Scudi - Castello

Ponte de la Scoazzera, tra il Rio di Santa Ternita e il Rio dei Scudi. Campo a fianco de la Chiesa – Calle Donà

Ponte in pietra; struttura in mattoni e pietre, balaustre in ferro a croci oblique.

SCOAZZERA. Si chiamava scoazzera un chiuso quadrato di muro, senza tetto, ed aperto d’innanzi, ove si raccoglievano le spazzature, dette in vernacolo squazze, finché i burchieri, o burchiellanti, le avessero trasportate fuori della città. Molti di tali depositi esistevano una volta fra noi, e molti quindi sono i luoghi che da essi presero il nome, e tuttavia lo ritengono.

Le scoazzere ebbero origine nel XV o XVI secolo per tener monde le strade, e per impedire che le spazzature si gettassero nei canali. Vi vigilava il Magistrato alle Acque, sotto gli ordini del quale erano i così detti Nettadori dei Sestieri. Coll’ andar del tempo però tali scoazzere si distrussero, e fino dal 1662, spargendosi ovunque le immondezze, molto sordide erano divenute le nostre vie. Deliberò allora il Magistrato allo Acque che le scoazzere si rifacessero, e minacciò castighi severissimi a chi attentasse di demolirle. Nel 1711 le fece poi ristaurare, prescrivendo che a tal uopo fosse trattenuto dal pubblico proto l’importare di un mese sopra i crediti dei Nettadori dei Sestieri. Vedi Gallicciolli (Memorie Venete), e Tentori (Della Legislazione Veneziana sulla preservazione delle Lagune). (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.