Pozzo di Campo Bandiera e Moro o de la Bragora (vicino alla chiesa)

0
535
Pozzo di Campo Bandiera e Moro o de la Bragora (vicino la chiesa) - Castello

Pozzo di Campo Bandiera e Moro o de la Bragora (vicino alla chiesa)

Vera: in pietra d’Istria di forma cilindrica con una cornice quadrata con quattro archi sui lati e quattro vele agli angoli. Su un lato della vera è scolpito, a bassorilievo, San Giovanni Battista. Base: quadrata. Copertura: lastra metallica convessa.

Chiesa di San Giovanni in Bragora (detto San Zuane de la Bragola). Questa chiesa, una delle otto fabbricate per rivelazione a San Magno Vescovo, fu restaurata l’anno 817 per opera di Giovanni Talonico. Due volte fu riedificata nel 1178 e nel 1475, e restaurata nel 1828. Ai nostri giorni ebbe nuovo restauro, se pur restauro si può chiamare quello che vi hanno fatto gli imbiancatori e gli impiastricciatori: degni di essere veduti ed ammirati come curiosità artistica, sono i capitelli delle colonne, che acquistarono il colore del verde antico mercé la virtù del pennello.

È ricca di belle pitture: a destra, presso la prima cappella, un piccolo quadro che rappresenta Santa Veronica, sullo stile di Palma il Vecchio, e sopra un ritratto del Salvatore della scuola di Tiziano. Dopo la prima cappella, sulla parete, tre figure, Sant’Andrea, San Girolamo, San Martino, di Vettor Carpaccio; il quadro che rappresenta la Cena di Nostro Signore è di Paris Bordone. Nel secondo altare, sul muro laterale a sinistra, si ammira nella mezza luna il trasferimento del corpo di San Giovanni Elemosinario (1249) di Jacopo Marieschi, lavoro del secolo XVIII, ma senza i difetti di quel secolo. Di Leonardo Corona sono i due quadri che rappresentano la Flagellazione e la Incoronazione di spine, posti lateralmente alla porta della sacristia. E del Vivarini tre dei sei quadretti che si trovano nel corridoio che mette dalla sacristia al coro, il Redentore, San Giovanni e San Marco; e gli altri tre, rappresentanti la storia della invenzione della Croce, del Cima. Nei due pilastri che dividono la cappella maggiore dalle due laterali il quadro con Sant’ Elena e Costantino sostenenti la Croce, e del Cima; l’altro, con la Risurrezione di Gesù Cristo, del Vivarini. Dietro l’altare maggiore la tavola rappresentante il battesimo di Gesù Cristo è lavoro del Cima. Domenico Maggiotto che la ristorò, dice saviamente il Moschini, ha bensì buscato cento zecchini, ma non avrà che biasimo dagli intelligenti. A sinistra, dopo la cappella laterale alla maggiore il quadro che rappresenta Gesù Cristo condotto da Pilato, è di Jacopo Palma. È pur suo l’altro quadro con Gesù Cristo lavante i piedi agli Apostoli; e sono del Vivarini le tre figure in campo d’oro, Sant’Andrea, Nostra Donna e il Battista.

Varie confraternite esistevano in questa chiesa: della Madonna del Giglio, di San Giovanni Elemosinario, dell’Annunciazione, di San Bernardino per i fila-canape dell’Arsenale, di Sant’Andrea per i sabbionai e di San Giovanni Battista. Per concessione di Paolo Il (Pietro Barbo, patrizio veneto) i piovani di questa chiesa potevano licenziare dottori e portare in coro il rocchetto ed il mantelletto. (1)

(1) BERNARDO e GAETANO COMBATTI. Nuova planimetria della città di Venezia. (VENEZIA, 1846 Coi tipi di Pietro Naratovich).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.