Ponte de le Tette sul Rio de San Cassan

0
858
Ponte de le Tette sul Rio de San Cassa - Santa Croce/San Polo

Ponte de le Tette sul Rio de San Cassan. Fondamenta de la Stua – Fondamenta de le Tette (Santa Croce/San Polo)

Ponte in pietra; struttura in mattoni e pietre, balaustre in mattoni intonacati.

TETTE (Ponte e Fondamenta delle) a San Cassiano. Affine di ritrovare l’origine delle presenti denominazioni è da considerarsi che i posti delle meretrici, confinate in Carampane, arrivavano fino a questo ponte, ed a questa fondamenta, e che esse solevano stare al balcone colle tete (poppe) scoperte per allettare i passanti (Gallicciolli, Memorie, T. VI). A quanto si dice, tale costume provenne da una legge del governo, emanata allo scopo di distogliere con siffatto incentivo gli uomini dal peccare contro natura. Che poi la sodomia si fosse anticamente abbarbicata in Venezia, lo provano vari turpi fatti raccontati dalle cronache, fra cui quello di un ser Bernardino Correr, il quale, come racconta il Sanuto (Guerra di Ferrara, Cod. DCCCI, Classe VII della Marciana) nel 1482 volse forzar ser Hieronimo Foscari per sodomitio, e li tajo le stringhe delle calze (sinonimo allora di brache) in Calle di Ca’ Trevixan, a S. Bortolamio, de sera.

Si conoscono alcuni decreti del Consiglio dei X promulgati nel medesimo secolo, dai quali si ricava che, per estirpare abhominabile vitium sodomiae, si erano eletti due nobili per contrada; che ogni venerdì si doveva raccogliere il collegio dei deputati ad inquisire sopra i sodomiti; che tutti i medici ed i barbieri, chiamati a curare qualche uomo, oppure qualche femmina, in partem posteriorem confractam per sodomiam, erano obbligati entro tre giorni di farne denunzia all’autorità; che finalmente i sodomiti si appiccavano fra le due colonne della Piazzetta, dopoché si abbruciavano fin che fossero ridotti in cenere, pena inflitta anche il 10 ottobre 1482, a quella buona lana di Bernardino, da noi summentovato. (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.