Tributo ad un artista di strada

0
653

Per le sue opere usa colori diversi dai toni accesi, ma preferisce il rosa e il blue, usa pezzi di legno di recupero, perle di conteria, specchietti e corde. È conosciuto per aver decorato una vecchia edicola in disuso, che stava fino all’agosto scorso all’inizio di Via Garibaldi, l’aveva tutta abbellita con una serie di opere dedicate ai 7 partigiani fucilati nel 1944 nella vicina riva. Il suo nome mi è sconosciuto. I suoi lavori ingentiliscono porte e portoni sparsi in giro per la città: in Corte Delfina, in Calle Gritti a Santa Maria del Giglio, nel Sotoportego de le Ancore, e nel Sotoportego di Piscina de Frezzaria.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.