Sotoportego del Filatoio a Santa Maria Mater Domini (Santa Croce)

FILATOJO (Sottoportico del) a S. Maria Mater Domini. È così detto anche nella Descrizione della contrada per il 1661 senza che allora vi abitasse alcun filatojo, o filatore. Vi avrà abitato antecedentemente, e forse nel principio di quel medesimo secolo XVII, trovandosi nei Registri Sanitari decesso nella parrocchia di S. Maria Mater Domini il 26 febbraio 1614 Bortolo fio de m. Bortolo filatojo de g.ni 40.

Sotto il nome di filatoj si comprendevano, per attestato della Statistica del 1773, i filatori di seta, e quelli d’altri fili. Quest’arte aveva scuola di devozione sotto il patrocinio di S. Anastasio presso la chiesa di S. Ternita. Il Cicogna cita uno strumento del 9 agosto 1488, confermato noi giorno 10 susseguente, donde apparisce fatta convenzione tra il piovano, ed il capitolo di S. Tornita da una parte, ed il capitolo dell’arte dei Filatoj, dall’altra, in forza di cui la casa della scuola della SS. Trinità, et del glorioso martire missier Santo Anastasio venne data alla detta scuola per precio di ducati tre ano, et a rason d’ano, et questo per fitto in perpetuum con altre condizioni ed obblighi da ambedue le parti. La Scuola dei Filatoj fu rifatta nel 1696, secondo un’iscrizione che lo stesso Cicogna lesso sopra un pilastro di pietra nel campo di S. Tornita, oggidì più non esistente.(1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.