I Fauni e i Satiri, su un bassorilievo in Corte dei Senatori nel Palazzo Ducale

0
444
Fauni o Satiri su un capitello di collonna della Corte dei Senatori. Palazzo Ducale

I Fauni e i Satiri, su un bassorilievo in Corte dei Senatori nel Palazzo Ducale

I Fauni e i Satiri erano una specie di esseri intermedi tra gli uomini e le bestie, e i caratteri che essi avevano comuni con le ultime erano principalmente presi dalle capre. Nelle antiche opere d’arte vengono rappresentati con orecchie piuttosto larghe e a punta, il naso rincagnato, la testa spelata, con piccole protuberanze a guisa di cornetti dietro le orecchie. Talvolta la loro figura si avvicina anche più alla forma animale, giacche venivano rappresentati con piedi e con corna di capra.

Durante il miglior periodo dell’arte greca, la forma umana è intera, e il carattere animalesco viene espresso da una piccola coda attaccata alle parti Inferiori del dorso e da un considerevole grado di sensualità nelle fattezze e nelle attitudini I Satiri erano costanti compagni di Bacco, e nelle processioni bacchiche essi si mostrano sempre danzanti, con tamburelli, zampegne, flauti, nacchere in mano. (1)

Fauni o Satiri, creature metà uomo e meta capra, si possono vedere raffigurati, mentre portano torce e un vassoio di fiori, su un capitello delle colonne della Corte dei Senatori in Palazzo Ducale.

(1) Giuseppe Ronchetti. Il Dizionario Illustrato dei Simboli. Ulrico Hoepli Editore Milano 1922

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.