I leoni marciani di Traù

0
183
Il Leone marciano della Loggia di Traù, prima della sua distruzione

I leoni marciani di Traù

Traù, l’antica Tragarium, fondata sull’isola Bua da coloni siciliani trapiantatisi da Lissa, è la più anziana delle città dalmate ed era fedele all’antica patria. 

E’ la città dalmata che più di tutte conserva la tinta veneziana, una tinta medioevale che ti avvince e ti conquista con mille tesori di armonie. E’ la città che ti offre Venezia dappertutto: dalle chiese, dai palazzi patrizi ai cortili, agli angoli più riposti, alle “vere” numerose, ai leoni protettori delle case, alla cerchia di mura, opera rinnovata dall’ammiraglio Loredano. Traù, scrive un innamorato, è “il sogno della riviera dalmata, come Spalato ne è la storia“.

Il palazzo Cippico, penna umana non lo può descrivere; è Venezia che trionfa con i suoi mille profumi d’arte e sparge a sé d’attorno grazia e dolcezza; è la mamma che ha lasciato un’eredità alle figlie dilette, brani del suo tesoro perché di lui si servano a varcare intatte e indomite i secoli.

Così è tutta Traù: dalla cattedrale alla loggia, al chiostro dei domenicani: è tutta un museo di bifore, di vere, di leoni, di angoli solamente veneziani: è Venezia fatta figura, un sogno di grazia fatta città. (1)

La leggiadrissima Loggia veneziana contigua alla Torre dell’Orologio, portava scolpito nell’interno il Leone di San Marco tra le statue di San Lorenzo e di San Giovanni degli Orsini di Roma, vescovo di Traù dal 1062 al 1111. Un altro leone campeggiava sul Palazzo Municipale; un terzo sull’armoniosa Porta di Terraferma, sotto la statua di San Giovanni, ombreggiato da un cipresso cresciuto nano tra le fessure dell’architrave; un quarto sull’artistica Porta Marina; un quinto sul Castello del Camerlengo, castello glorioso su cui pose mano l’architetto veronese Sammicheli. (2)

Otto di questi leoni, nel dicembre del 1931, vennero oltraggiati irreparabilmente da militanti dei Sokol, movimento politico promotore del panslavismo, nonostante le vibranti proteste degli intellettuali croati. (3)

(1) Emanuele Fabbrovich. Dalmazia.

(2) Angelo Tiozzo. IL GAZZETTINO ILLUSTRATO 18 dicembre 1932

(3) https://it.wikipedia.org/wiki/Tra%C3%B9

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Il Gazzettino Illustrato. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.