Un curioso processo di divorzio nella Venezia del Settecento

0
1439
Palazzo Grimani a Santa Maria Formosa - Castello

Un curioso processo di divorzio nella Venezia del Settecento

Alla fine del 1775 si era iniziata la causa di divorzio fra il patrizio Alessandro Dolfin e la nobile Chiara Corner, la quale attendeva impaziente la libertà maritale per correre a nuove nozze con Almorò Grimani fu Michele di Santa Maria Formosa. Ma a messer Carlo Grimani, fratello di Almorò, no garbava troppo avere quella cognata e al divorzio cercava di mettere inciampo in ogni maniera.

Infatti certa Felicita Doria, rivendigola e solita per il suo mestiere a praticare in casa Dolfin, era stata un bel giorno invitata da alcuni sconosciuti a montare in una gondola con la scusa di averle da consegnare molta roba da vendere, e nella gondola le furono bendati a forza gli occhi e condotta in una casa dove, racconta la Felicità: “Mi viddi in una camera, non molto grande ma bislunga, alta di travatura, dove eravi un huomo in maschera seduto al fuoco in pelizzo verde in bauta e cappello schietto. Poco distante da esso, cioè dall’altra parte del piccolo camin alla Francese, eravi una signora seduta, vestita con abito sopra il cerchio di raso bianco e teneva sopra le spale un gran tabaro nero“.

Alla povera donna, tutta spaventata e tremante di paura, fu subito imposto di dire ciò che sapeva sulla condotta e sulle abitudini della Chiara Dolfin regalando alla nobildonna certi epiteti assai poco eleganti. Felicita rispose che nulla sapeva; e quelli ad insistere a interrogarla sull’amicizia che aveva la signora con un turco e con un greco, ai quali “mandava el so camerier a prendar a titolo d’imprestito ora vinti, ora trenta zecchini, che dopo non restituiva, ma anzi tutti li suddetti andavano a visitarla e portar regali“.

Però, a fare lo strano interrogatorio la più terribile e scevra di reticenze era la signora dal tabaro nero, che senza tanti giri di frase, chiedeva se Almorò Pisani dormisse con la Chiara Dolfin e se con lui fosse rimasta incinta e concludeva che se una brutta busona è divenuta Trona (cioè della famiglia Tron) la Chiara Dolfin che è un’altra brutta busona non diventerebbe mai una Grimani (*).

L’interrogatorio non approdò a nulla, poiché la Felicita forse nulla sapeva; ma quel sequestro arbitrario di persona e quelle offese che ben presto furono note a tutta Venezia fecero sì che Giovanni Corner, padre della Chiara, ricorresse agli Inquisitori di Stato contro le prepotenze e le calunnie di cui era vittima la nobile sua figlia.

Il tribunale lesse il ricorso, interrogò, investigò e poi così postillava il ricorso stesso; fu letto e posto a parte sino a nuovi lumi. 1775 primo febbraio. Ma i lumi non vennero ed il processo andò in casson (archiviato). Avvenuto il divorzio, con grande dispetto di Giovanni Grimani, e della moglie, che si dice fosse la signora dal tabaro nero, Almorò Grimani sposava la Chiara Corner, mentre Alessandro Dolfin si consolava sposando l’altra Corner, la nobile Venturina Daria. (1)

(*) Correva a Venezia la seguente satira:

Chi gera su la Riva?
Lucieta la bela,
La sorda so sorela,
La Trona, la Benzona
E qualche altra busona.

(1) Giovanni Malgarotto. IL GAZZETTINO, 30 dicembre 1923.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.