Ponte de la Frescada sul Rio de la Frescada

0
1040
Ponte de la Frescada sul Rio de la Frescada - Dorsoduro/San Polo

Ponte de la Frescada sul Rio de la Frescada. Fondamenta del Forner – Fondamenta de la Frescada

Ponte in pietra; struttura in mattoni e pietre, balaustre in mattoni.

FRESCADA (Ponte, Rio, Calle, Fondamenta della) a San Tomà. A torto il Dezan, ed il continuatore del Berlan credono frescada corruzione di frascata, e vogliono originato il nome dalle frasche, o frondi, che verdeggiavano un tempo nella prossima vigna di San Tomà. Il nome deriva invece, come nota il Cod. DCCXXII, Classe VII della Marciana, ed il Pivoto, dalla patrizia famiglia Dalla Frescada, venuta dall’Istria, oppure dalle Contrade, che andò estinta, secondo la maggior parte dei cronisti, in un Aventurado, morto nel 1372. Ricorda il Barbaro (Alberi Genealogici della raccolta Cicogna) che questa famiglia possedeva un palazzo, ove abitava, in parrocchia di San Pantaleone, il quale, dopo la di lei estinzione, passò in un ramo dei Corner, anch’esso perciò soprannominato Dalla Frescada. Il palazzo suddetto è probabilmente quello di stile archiacuto, che sorge in fondo alla Fondamenta della Frescada, e che dalla Calle della Frescada viene costeggiato, località non lontane dalla chiesa di San Tomà, ma sottoposte un tempo, come adesso, alla parrocchia di San Pantaleone.

Sembra poi che la famiglia Dalla Frescada avesse altre case nelle vicinanze, poiché il Curti nella sua Cronica Breve di Famiglie Nobili (Classe VII, Cod.d CCII, CCIII della Marciana) racconta che Marco Dalla Frescada, morendo senza figlioli, con suo testamento ordinò che, vendute le site case che erano nei contorni della chiesa di San Tommaso Apostolo, con tutte le altre sue possessioni, et averi dai Proc. di S. Marco de Ultra suoi commissari, il ricavato impiegato fosse nell’edificazione di un ospitale per li poveri, al che fu adempiuto con la erezione di quello sta nei contorni della chiesa di San Vito, in un rivo nominato delle Pietre Bianche. Ciò concorda con un’altra cronaca più antica, citata dal Gallicciolli. Si avverta però che la vera data del testamento di Marco Dalla Frescada è l’anno 1320, come si può leggere sulla porta dell’ospitale, od ospizio, tuttora sussistente a San Vito presso il rivo delle Piere Bianche, ora delle Torreselle. (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.