Ponte de la Guerra, sul Rio de San Zulian

0
1703
Ponte de la Guerra sul Rio de San Zulian - San Marco/Castello

Ponte de la Guerra, sul Rio de San Zulian. Campo de la Guerra – Calle del Ponte de la Guerra

Ponte in pietra; struttura in mattoni e pietre, balaustre in ferro a losanghe. Su un fianco del ponte, al centro dell’arco, tre stemmi in pietra di Provveditori di Comun, mentre due mascheroni sono presenti su ciascuno dei fianchi del ponte.

GUERRA (Calle al Ponte, Ponte, Campo, Callesella della) a San Giuliano. Il Dezan ed il Berlan vogliono derivato il nome a queste località da un combattimento che vi avrebbe sostenuto una colonna dei congiurati di Bajamonte Tiepolo dopo la sconfitta loro toccata in Piazza di San Marco. Tuttavia è cosa certa in quella vece aver avuto origine il nome suddetto dalle guerre delle canne e dei bastoni, e poi dei pugni, che qui si facevano. E giova innanzi tratto osservare che molti ponti di Venezia, i quali erano agone a tali combattimenti si denominarono della Guerra, per cui nella Guida del Coronelli troviamo il Ponte della Guerra ai Gesuati, il Ponte della Guerra a San Marziale, il Ponte della Guerra a Santa Fosca, ed il Ponte della Guerra a San Barnaba, i tre ultimi dei quali conservano tuttora impresse l’orme per i lottatori. Venendo poi a parlare particolarmente del Ponte della Guerra a San Giuliano, ricorda il Sanuto che il 29 dicembre 1509 si proibirono le battagiole sul Ponte di San Giuliano. Nel codice Cicogna 2078 leggiamo sotto l’anno 1546: Sopra il Ponte della Guerra a S. Zulian si fecero i pugni. E finalmente abbiamo un opuscolo impresso in Venezia in Salizada a San Moisè nello stesso anno 1546 col titolo: Quattro canti in Ottava Rima delle Battaglie e Battagliuole fatte sopra li Ponti di Venezia in S. Zulian, S. Barnaba, Crocechieri, e S. Marcuola.

Anche il Sottoportico della Guerra a Santa Sofia trasse l’appellazione dagli accennati combattenti, soliti a tenersi sopra il prossimo ponte detto anticamente Ponte della Guerra di Campo dell’Erba, quindi Ponte della Guerra o Priuli, ed ora Ponte Priuli soltanto. (Codice Cicogna 620). Qui notiamo alla sfuggita che l’antico palazzo, sovrastante al Sottoportico della Guerra a Santa Sofia, apparteneva alla patrizia famiglia Benedetti, come si scorge dallo stemma a rombi scolpito sulla facciata, e sopra un fianco della fabbrica, nonché dalla Pianta topografica di Venezia, unita alla Guida del Coronelli, ove l’attiguo ponticello, ora distrutto, è chiamato dei Benedetti. In questo palazzo, ferito a morte da ladroni, cessò di vivere nel 1658 Vincenzo q. Pietro Benedetti, estinguendosi in lui la famiglia.

Quanto al Rio della Guerra a Castello, presso le Vergini, esso, secondo i medesimi Dezan e Berlan, ricorderebbe una di quelle fiere zuffe avvenute fra i Caloprini ed i Morosini. Veramente racconta la storia che, sorta al tempo del doge Pietro Tribuno, per cagione di donne, una grande nimicizia fra queste due famiglie, i Caloprini ferirono a morte in Campo di Sa Pietro di Castello Domenico Morosini, ed un’altra volta quattro Morosini uccisero tre Caloprini mentre erano in barca.

Nulla però si può dire di preciso sopra l’argomento: anzi altri credono che il Rio della Guerra, prossimo, come si trova, alla Darsena dell’Arsenal Nuovissimo, si abbia intitolato dai navigli da guerra che nei cantieri colà posti si costruivano. (1)

(1) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.