Chiesa di Santa Scolastica

0
1236
Corte Santa Scolastica - Luogo dove si ergeva la Chiesa di Santa Scolastica

Chiesa di Santa Scolastica. Chiesa demolita

Storia della chiesa

Dal Dandolo vien espressa nominatamente la Chiesa di Santa Scolastica consumata dalle fiamme nell’anno 1105, che rifabbricata dalle sue rovine, e soggettata ai monaci di San Felice di Ammiano, divenne poi membro del veneto Monastero dei Santi Filippo e Giacomo, e leggendosi in autentici documenti, che prima dell’anno 1268 l’antica Chiesa di Santa Scolastica, incorporata al Monastero dei Santi Filippo e Giacomo, era divenuta sacristia per uso dei monaci.

Quale altra vicenda abbia avuto questa chiesa di Santa Scolastica, ora ci è ignoto, e solo si sa, che un piccolo oratorio sotto il titolo di detta santa, continuo alla casa del primicerio, passò per eredità di una donna di casa Molino alla famiglia patrizia Bondumiera; e quantunque corra tradizione, che sia nel sito stesso, ove era l’antica chiesa, pur riesce difficile a credere, che questa fosse tanto discosta dalla chiesa dei santi apostoli, di cui era fatta sacrista. (1)

Visita della chiesa (1733)

Nella chiesuoletta di Santa Scolastica dietro le prigioni appresso Cà Bondumier vi è dalle parti dell’altare l’Annunziata, ed altri pezzi dei Cav. Ridolfi. (2)

Eventi più recenti

La chiesa che si trovava dietro le prigioni in calle di Santa Scolastica, venne demolita nell’anno 1823. (3)

(1) FLAMINIO CORNER. Notizie storiche delle chiese e monasteri di Venezia, e di Torcello tratte dalle chiese veneziane e torcellane (Padova, Stamperia del Seminario, 1763).

(2) ANTONIO MARIA ZANETTI. Descrizione di tutte le pubbliche pitture della città di Venezia ossia Rinnovazione delle Ricche Miniere di Marco Boschini (Pietro Bassaglia al segno di Salamandra – Venezia 1733)

(3) ERMOLAO PAOLETTI. Il fiore di Venezia ossia i quadri, i monumenti, le vedute ed i costumi. (Tommaso Fontana editore. Venezia 1839).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.