Pozzo di Corte delle Prigioni

0
167
Pozzo di Corte delle Prigioni - Castello

Pozzo di Corte delle Prigioni

Vera: in calcare rosso di Verona di forma cilindrica. Una struttura in ferro regge una carrucola. Base: ottagonale in pietra d’Istria. Copertura: lastra metallica piatta.

Carceri (presso il ponte della Paglia). L’anno 1589 fu innalzata questa fabbrica d’ordine dorico-rustico dall’architetto Antonio da Ponte. E’ capace di quattrocento persone. Nella sala al piano superiore, sono scolpite in marmo le seguenti parole: 1604, primo ottobre, furono poste le chiavi de’ camerotti in libertà, lo che viene a dire che in quel giorno (e fu in quel solo giorno) la prigione rimase vuota di carcerati. Quella sala era addetta al magistrato dei signori di notte al Criminal , i quali giudicavano contro i ladri, gli incendiari, i rattori e violatori, e dannavano a morte. Era inappellabile la sentenza loro se veniva confermata del Magistrato del proprio, in caso diverso era portata alla Quarantia criminale. Ai tempi della Repubblica una fraterna detta delle prigioni, presieduta dal Patriarca, raccoglieva elemosina a  pro dei carcerati. (1)

(1) BERNARDO e GAETANO COMBATTI. Nuova planimetria della città di Venezia. (VENEZIA, 1846 Coi tipi di Pietro Naratovich).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.