Pozzo di Campo San Provolo

0
221
Pozzo di Campo San Provolo - Castello

Pozzo di Campo San Provolo

Vera: in pietra d’Istria di forma cilindrica con una cornice quadrata sostenuta da piccole volute. Su due lati della vera sono scolpite, a bassorilievo, due anfore biansate, su gli altri due lati sono scolpiti, sempre a bassorilievo, due scudi. Su una delle due anfore è presente un tondo già contenente un leone marciano ora scalpellato. Base: quadrata. Copertura: lastra metallica convessa.

Campo San Provolo Chiesa di San Procolo, volgarmente San Provolo. La chiesa di San Provolo, o Procolo, si vuole fondata dalla pietà di Angelo Partecipazio, primo doge residente in Venezia. Secondo alcuni dell’850, secondo altri del 1107, fu trasferita a San Procolo la cura delle anime per maggior quiete delle monache di San Zaccaria, le quali serbarono pur sempre il giuspatronato di essa chiesa, e per la sopradetta cura delle anime vi mantenevano due cappellani. Anche questa chiesa fu distrutta nel vasto incendio, poi rifatta ma molto angusta. Sulla fine del secolo XIV fu ristorata da Amadeo dei Buonguadagni, vicecancelliere della Repubblica, poi rifatta di pianta nel 1642 dalle monache di San Zaccaria, e nella metà del secolo scorso arricchita di scelti marmi: aveva cinque altari: nel 1808 fu chiusa, poi atterrata e convertita ad uso di abitazione. (1)

(1) BERNARDO e GAETANO COMBATTI. Nuova planimetria della città di Venezia. (VENEZIA, 1846 Coi tipi di Pietro Naratovich).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.