Pozzo di Campo Santi Filippo e Giacomo

0
166
Pozzo di Campo Santi Filippo e Giacomo - Castello

Pozzo di Campo Santi Filippo e Giacomo

Vera: in pietra d’Istria di forma ottagonale. Su tre lati della vera sono presenti tre tondi con delle teste leonine; su un altro lato è presente un beccuccio di fontana; in un altro ancora i resti di un meccanismo di pompaggio. Base: ottagonale con due gradini. Copertura: lastra metallica convessa.

Campo Santi Filippo e Giacomo. Chiesa Santi Filippo e Giacomo o Santa Apollonia. Questa chiesa si dice esistesse sino dal 900. Apparteneva ai monaci di Ammiana, che, distrutta quell’isola, si ritirarono sul principio del secolo XV nel cenobio unito a questa chiesa; passò poi alla basilica di San Marco il convento, e il doge ne nominava il rettore, e nel 1591 divenne abitazione del primicerio e dei chierici del seminario Gregoriano addetti alla medesima basilica. Fu restaurata del 1683, chiusa del 1807. Nel 1813 per la morte dell’ultimo primicerio il monastero divenne stanza dell’Ufficio di Registro e Tasse, e nel 1896 dell’I. R. Tribunale Criminale. La chiesa divenne negozio di linaiuolo. Ad essa appartenevano varie scuole e confraternite secondarie dette fraglie delle arti, cioè degli osti, dei fruttaiuoli, dei cartolai, dei segatori dell’Arsenale, dei calafati, dei barbitonsori e dei linaiuoli. Quest’ultima era divisa in due colonnelli, l’una sotto la invocazione di San Apollonia; ma fu nel 1462 per decreto del Consiglio dei X riunita tutta sotto ambedue i titolari; così questa chiesa assunse ancora il titolo di Sant’Apollonia. (1)

(1) BERNARDO e GAETANO COMBATTI. Nuova planimetria della città di Venezia. (VENEZIA, 1846 Coi tipi di Pietro Naratovich).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.