La battaglia navale notturna dei veneziani di Girolamo Canal contro i turchi di Alì Mohamed, nel 1533

0
2128
Palazzo Canal a Santa Margherita - Sestiere di Dorsoduro

La battaglia navale notturna dei veneziani di Girolamo Canal contro i turchi di Alì Mohamed, nel 1533

La Turchia, sebbene fosse in pace con Venezia, faceva grandi armamenti; i pirati turchi erano sempre più arditi tanto che avevano fatto prigioniero Francesco Dandolo capitano del Golfo e allora la Repubblica si vide costretta ad armar la sua flotta per provvedere alla sicurezza dei mari, dandone il comando a Girolamo Canal.

Era il tramonto del giorno d’Ognissanti, primo novembre 1533, e l’armata veneziana veleggiava tra Candia e Morea, quando le vedette dall’alto delle gabbie scorsero una squadra di galere che facevano rotta verso di loro. Girolamo Canal ordinò di contare le navi: erano tredici, le sue erano dieci, ma “Ziloramo Canal da Santa Margherita non era homo di haver paura“, e mantenne la propria rotta. Sopraggiunse la notte con un bel chiaro di luna, quando sier Canal, viste quelle navi venirgli proprio incontro e convinto che fossero navi corsare, dette l’ordine di assaltare all’arembaggio. Le galere veneziane a voga arrancata quasi volano sul mare, le due squadre sono vicine, San Marco dà fuoco ai cannoni, le ciurme venete lanciano i loro fuochi greci, l’incendio sulle navi nemiche si apprende alle vele, da ambe le parti si combatte con feroce accanimento. E’ una scena di terrore e di orrore sul mare calmo argentato dalla luna: ma dopo cinque ore la vittoria è nostra e lo stesso comandante turco, Alì Mohamed pascià, è fatto prigioniero crivellato da ben dodici ferite.

Giunta a Venezia la notizia di quella vittoria contro navi turche credute corsare, la Serenissima mandò il segretario Daniele Ludovici a recar le sue scuse al Sultano, ma in Piazza san Marco il popolo e molti patrizi fecero i soliti falò di gioia. In Senato sier Alvise Priuli disse che bisognava togliere al Canal il comando per calmar l’animo dei Turchi, ma sier Iseppo Balbi severamente rispondeva: “Havemo vendicà la presura dil Dandolo, missier Canal non è cala braghe et ha portà in alto l’honor venetiani“. Mentre acerbamente si discuteva, sier Girolamo Canal venne a morte nell’isola di Zante e grande ne fu il cordoglio; il Senato decretò agli eredi un annuo assegno e il figlio Antonio fece erigere al padre un monumento in chiesa San Zanipolo. (1)

(1) Giovanni Malgarotto. IL GAZZETTINO, 20 febbraio 1927.

Dall’alto in basso, da sinistra a destra: Tomba di Girolamo Canal nella Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, Stemma della Famiglia Canal, Tomba di Girolamo Canal nella Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo, Palazzo Canal a Santa Margherita, Palazzo Canal a Santa Margherita, Tomba di Girolamo Canal nella Chiesa dei Santi Giovanni e Paolo.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.