Le trattenute sugli stipendi ai tempi della Serenissima

0
891
Ponte provvisorio in legno durante i lavori di restauro del Ponte dei Sartori (anno 2018) sul Rio del Gozzi - Sestiere di Cannaregio

Le trattenute sugli stipendi ai tempi della Serenissima

Una legge dei Provveditori di Comune, magistratura che a somiglianza degli edili dell’antica Roma, aveva cura degli uffici pubblici, strade, ponti e canali della città, il 29 ottobre 1490 mise lo scompiglio negli impiegati della Serenissima.

La legge diceva: “E’ stato preso (deliberato) de tansar tuti i Rezimenti e le sue Corte da tre lire fin tre ducati per testa, e questo per aplicarli a la cavation dei rii, a la fabrica dei ponti de piera, e al salizar de le strade“. In altre parole a tutti i funzionari dello Stato Veneto si imponeva una tassa proporzionale ai loro stipendi, e nelle poche righe di quella legge faceva capolino per la prima volta or sono 433 anni (528 anni ad oggi n.d.r.), quella antipatica ed ingorda tassa moderna sugli stipendi che i nostri finanzieri hanno chiamato Ricchezza Mobile (sostituita nel 1974 dall’IRPEF n.d.r.).

I primi ponti a Venezia erano di legno sostenuti da pali, piani e senza gradini, allo scopo di lasciar libero e facile il passaggio ai cavalli e alle mussette, ché andare a piedi per le strade era allora un ben difficile problema, non avendo esse lastricato, ed essendo il fango enorme specialmente nei giorni piovosi. A cavallo si poteva girare dovunque, ma nel 1287 fu proibito il transito per le Mercerie, nelle ore del mattino, stante il grande concorso di gente che per faccende si recava a San Marco. Ed essendoci allora in Campo San Salvatore un pozzo, con tutta una vasca all’ingiro, colà si dissetavano i cavalli e si legavano ad una grande ficaia che s’innalzava prossima al pozzo.

Il restauro e la manutenzione dei ponti era a carico degli abitanti circonvicini e da ciò innumerevoli litigi, contrasti e beghe, tanto che per evitarli il governo stimò migliore consiglio ricorrere alle tasse, e così nacque la legge del 1490, seguita da altre nel 1495 e nel 1510, e forse, fin d’allora, corse fra i colpiti la famosa frase veneziana di malessere economico: Semo su de un ponte!. Nel 1486 si cominciò la costruzione dei ponti in pietra ad arco e nel 1676, sotto il Provveditor di Comune Antonio Grimani, si diede mano a lastricare con pietre, dette masegni, le strade della città. Se si pensa alla speciale topografia veneziana, le spese dovettero essere ingenti e si capisce che le tasse per tale scopo non bastavano mai: Venezia è formata da 122 isole, riunite fra loro da 350 ponti, ed intersecate da 157 canali. (1)

(1) Giovanni Malgarotto. IL GAZZETTINO, 28 luglio 1923.

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Pubblicazione riservata. Non è consentita nessuna riproduzione, con qualunque mezzo, senza l'autorizzazione scritta del detentore del copyright.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.