Rio Terà de la Crea, sul Rio de la Crea

0
317
Rio de la Crea, dopo la riapertura - Cannaregio

Rio Terà de la Crea, sul Rio de la Crea

Il Rio Terà de la Crea venne realizzato nel 1834 mediante l’interramento (a volto) di una parte del rio omonimo o Rio Bosello. La parte del Rio de la Crea interrato, partiva dal Canale di Cannaregio ed arrivava, poco dopo, in prossimità della Corte Santa Maria de le Pazienze. Nel 1998 il Comune decise la riapertura del rio in quanto era divenuto, già dal tempo del suo interramento, una cloaca a cielo aperto. Aveva il rio una fondamenta, per un breve tratto, lungo la riva ovest e due ponti: il Ponte de la Crea in pietra e un ponte in legno. (1)

BOSELLO (Calle, Campo) presso la Fondamenta di San Giobbe. Verso la fine del secolo XVI, e sul principio del XVII un Piero Bosello q. Francesco possedeva varie case in parrocchia di San Geremia, sulla fondamenta di S. Giopo. Egli venne a morte il 17 marzo 1616 nella casa di sua abitazione, posta nella parrocchia medesima, avendo fatto duo giorni prima testamento (atti di Teseo Zio), con cui lasciava erede il figlio Francesco, ed usufruttuaria la moglie Vellutella Vellutello. In progresso di tempo alcune delle case che erano possedute da Pietro Bosello passarono in proprietà di Cesare Amadio Spicier alla Pase, ed altre di Luca Vignala. La casa poi ove abitava fu comperata da G. B. Catti, poiché questi, con traslato 31 luglio 1630, fece passare in propria ditta da quella di Laura Morosini una casa da stacio posta in contrà de S. Ge.mia sora la fond.ta era per uso del q. Piero Bosello. Una famiglia Bosello diede il nome più anticamente anche alla Calle, al Ramo, ed alla Corte Bosello, o, come dicono i catasti, di Cà Busello, alla Pietà, in parrocchia di San Giovanni in Bragora. Alla famiglia Bosello dalla Pietà appartenne probabilmente Pietro Bosello confratello della Scuola di San Giovanni Evangelista, la cui morte avvenuta nel 1409, è così registrata nei libri della Scuola medesima: M. Piero Busello da S. Zuane in bragolla passò di questa vita a dì 13 avosto 1409 e fo seppellito ai frari minori. Gli stabili dei Bosello alla Pietà vengono ricordati nello strumento con cui la nazione Greca comperò nel 1526 l’area per fondare la propria chiesa, leggendosi che quel terreno confinava a mezzodì con le case Vallaresso e Bosello e con la via del Grondal. (2)

(1) Cfr. La Pianta di Venezia di p. Vincenzo Maria Coronelli (1697) e la Pianta della città di Venezia di Ludovico Ughi (1729)

(2) GIUSEPPE TASSINI. Curiosità Veneziane ovvero Origini delle denominazioni stradali di Venezia. (VENEZIA, Tipografia Grimaldo. 1872).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.