Pozzo del Monastero di San Daniel (primo chiostro)

0
145
Pozzo del Monastero di San Daniel (primo chiostro) - Castello

Pozzo del Monastero di San Daniel (primo chiostro)

Vera: in pietra d’Istria di forma cilindrica con una cornice con quattro archi sui lati e quattro vele agli angoli. Su due lati della vera è scolpito, in bassorilievo, il monogramma eucaristico JHS; su un lato è presente un foro già contenente un beccuccio di fontana. Una struttura in ferro regge un carrucola. Base: quadrata. Copertura: lastra metallica piana.

Ramo, Ponte, Campo, San Daniele. Son dette rami quelle viuzze che si staccano da una via maggiore, e si spandono appunto come rami dall’albero. Tutte le località succitate pigliarono il nome di San Daniele da una chiesa già sacra a questo Santo e da un monastero. Fino dai primordi della città, la dove fu poi la chiesa, era stato innalzato un piccolo oratorio al profeta San Daniele. Donato poi dal vescovo di Castello Giovanni Poloni a un Manfredo, abate Cistercense di Fruttuaria, questi vi fece fabbricare un convento poi frati Benedettini. Nel 1437, abolito l’ordine di San Benedetto, la pia donna Chiara Ogniben Sustan, alla quale era stato ceduto l’edificio, quasi crollante, dal priore Michele da Sebenico, vi istituì un convento di monache Agostiniane. Fu soppresso nel 1806. (1)

(1) BERNARDO e GAETANO COMBATTI. Nuova planimetria della città di Venezia. (VENEZIA, 1846 Coi tipi di Pietro Naratovich).

Print Friendly, PDF & Email

FOTO: Alfonso Bussolin. Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.